I colori della Psiche nell'Estetica dell'Arte
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mar, Nov
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

I colori della Psiche nell'Estetica dell'Arte

I colori della Psiche nell'Estetica dell'Arte

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il pensiero è  una  forma  di  dono in se' autoriflettente. Tutto ciò  che doniamo, che creiamo ci riflette, inclusa l'arte. Le parole rispecchiano l'anima, sono pertanto frutto e seme. Più  si è  centrati in se stessi, più  la corrispondenza tra prodotto e sostanza e’ veritiera, e ciò  produce luce.

Giudizio universale, Michelangelo Buonarroti (Cappella Sistina)
Giudizio universale, Michelangelo Buonarroti (Cappella Sistina)

 

La nostra società  lavora a favore dello scollamento del dato esterno dal dato interno, creando un clima di insoddisfazione che in alcuni casi sfocia nella rabbia e nell'aggressività non solo verbale. Ne consegue un vuoto generalizzato che ha dure ripercussioni  anche nell'arte. L'Estetica odierna non è più  concepita come veicolo trainante messaggi consapevoli. L'arte come design è  una  forma di riempimento finalizzata alla fruibilità  e alla funzionalità all'interno  di uno spazio. È l'utente a conferire l'impronta necessaria alla creatività, fornendo l'occasione per un prodotto astratto e attenzionato solo alla forma.

Un tempo non era così. L'Arte era svincolata da ogni necessaria funzione  pragmatica e non era il fruitore a indirizzarla. L'artista era Maestro, artigiano dei colori e dei blocchi marmorei. Il colore era sostanza, pigmento della psiche orientata al bello come salvezza nel mondo. L'arte era escatologia del Cosmo, pensiero plurimo e onniscente, potenziamento  della sacralità  interiore generata da un eviscerabile legame con la Natura concepita come insegnamento. La Natura veniva presa a modello, lavorata e ricreata tramite i colori della Psiche che accoglieva in sé  le sfumature e gli umori del Mondo.

Oggi l'arte è  creazione fine a se stessa. L'artista non è  più  l'artigiano (colui che trasla la Verità dal piano intellettivo a quello reale). È l'operaio che contribuisce a riempire la fabbrica del mondo, il caos concepito dalla mancanza di correlazioni e legami a piu’ livelli.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001