La poesia nei giorni
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mar, Nov
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

La poesia nei giorni

La poesia nei giorni

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Anche la Poesia è un viaggio.

Yasutomo Oka, dipinto ad olio. Iperrealismo nell'arte giapponese
Yasutomo Oka, dipinto ad olio. Iperrealismo nell'arte giapponese

 

Ci sono poesie dal tracciato lungo, che scorrono lente e placide come un fiume in pianura, altre che corrono come torrenti in piena e altre ancora dal fiato corto che in un sospiro dicono tutto. La Poesia è una vena d'acqua nel deserto bruciante. È canto e liberazione, una pianta verde che inneggia alla speranza.

Il poeta non sa di sperare e per questo scrive. È  fiducioso nella penna, una lama che toglie il marcio dalla vita e gli consente di respirare. Senza poesia, trascinerebbe stanco il passo nei suoi giorni come un vecchio tra le volgari insidie del mondo. Ogni poesia ha un ritmo e anticamente  era cantata. È  veicolo dI salvezza per chi non crede. Il poeta non lo sa, ma scrivendo salva e comunica quella fede che neanche lui pensa  di possedere. La poesia porge l'alito della speranza, il sentimento  più  intimo e segreto, non proferibile per chi conserva un segreto nel cuore. Da qui la tradizione popolare secondo cui ciò a cui si anela non deve avere confidenti, altrimenti non si realizza. La Speranza contiene i sogni selvaggi e indomiti dalla Psiche e conosce il pudore della purezza che la fa essere il pane sulla tavola dei giorni. Nella Fede la speranza  diviene certezza. La preghiera pronunciata con Fede è certezza nella salvezza, è invocazione all'anima dei morti che vivono altrove e sono presenti al nostro fianco. Bisogna lasciare andare le preghiere al vento dei giorni per porgere la mano al cielo e costruire un ponte con la terra. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001