La sintesi come semplicita'
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
11
Mer, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AWIN
article-top-ads-Nordic Oil
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

La sintesi come semplicita'

La sintesi come semplicita'

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Gli animali assolvono alla volontà  del Creato che chiede loro solo di vivere. Per questo  sono esempio di umiltà e hanno Dio nel cuore.

Giovanni Boldini, La coppia (1905)
Giovanni Boldini, La coppia (1905)

 

L'uomo invece, vive senza esistere.

L'abbraccio è  protezione  e oscurità.  Contrazione e accentramento. Espressione della circolarità che nutre ogni cosa.

Al principio eravamo nell'abbraccio di Dio, poi  la sintesi è  divenuta racconto. La sintesi nel gatto è  ordine naturale e obbedienza a un principio inarrivabile per l'uomo nella sua semplicità. Perché   a una persona  triste si domanda: "cos'hai, ti è  morto il gatto?" Perché  il gatto incarna il mistero e invita al silenzio  per guidarci fin dentro le cose e  carpirne il senso profondo. In questo mondo che va, fugge via è  un richiamo  a orientare lo sguardo  verso l'interno, a far corrispondere alla distrazione continua  l'attrazione. E questo per  ritrovare l'intimità e  ritrovarci umili.

Certe situazioni  non si possono esprimere, vanno sentite dentro.

Il senso della famiglia per gli animali è  forte sul piano emozionale e percettivo e non come si è  portati a credere, su quello istintuale. L'olfatto è  il  legame, l'appartenenza alla materia  prima. Dopo di che la famiglia  è  l'obbedienza alla vita. Per noi umani il discorso si fa contorto. Nelle culture  rimaste ancorate a vincoli tribali, come quella mafiosa, il legame famigliare crolla dinanzi ai principi prescritti da un protocollo che  solo in apparenza vuole salvaguardare il senso della famiglia, ma in realtà  antepone il principio  del potere e della convenienza affaristica come ragione dominante sul territorio. Ciò  non è  scritto in alcun precetto  naturale ed è  frutto di una deformazione consapevole del concetto di famiglia.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci Tradedoubler
sidebar-ads-ct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001