La lotta e la coscienza spirituale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La lotta e la coscienza spirituale

La lotta e la coscienza spirituale

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La lotta è azione. La lotta a volte degenera in toni accesi e sgradevoli, altrimenti può essere garbata e leale. Anche la lotta ha la sua grazia ed esprime e veicola atteggiamenti, divenendo specchio di un'epoca.

La lotta e la coscienza spirituale
La lotta e la coscienza spirituale

 

Se si vuole conoscere e approfondire una civiltà, è indispensabile non tralasciare le correnti interne che la formano e la conducono nel nome della libertà di espressione. La società attuale ha come riferimento la totale assenza dell'individuo ormai ridotto a merce di scambio tra i partiti. Il disvalore dato all'individuo fomenta idee ballerine che rinnegano lo stato dell'essere e diviene antagonista di una superiore verità. La società ha la sua struttura gerarchica che in quella evoluta spiritualmente trova ragione di essere nella sua verticistica ascensionabilità. Si sale verso l'apice che non è avulso da ogni contatto con le gerarchie inferiori, ma con esse comunica attraverso un linguaggio empatico. La dittatura di pensiero vigente ha difatti demolito ogni possibilità di interazione tra chi è in basso e chi è in alto.

La sete di potere ha interrotto il flusso discendente, per cui chi sale e giunge in alto non si occupa di chi è sotto. Le forme di governo democratiche trovano qui l'inghippo alla loro ottemperanza, inghippo causato dalla mancanza di considerazione verso l'individuo in quanto non ritenuto persona. La democrazia facilmente può sconfinare nel qualunquismo e se non condotta da una operazione culturale che abbia a cuore la persona, degenera in dittatura, armando così schiere di individui allettati dal desiderio di arrampicarsi lungo la piramide. Oggi accade che il Pensiero spirituale sia bloccato a un livello di embrione poiché l'individuo non è concepito persona. Come conseguenza si verifica lo schieramento dalla parte di una coscienza manipolatrice in grado di deformare la percezione del Reale. Reale e Verità occorre che s'incontrino e nella politica e nella società, e perché questo accada, bisogna impuntarsi sulla riqualificazione di ciò che è soggettivo e vero nel contempo, fornendo nuove occasioni di slancio.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.