Con tutta la Bellezza che respira intorno
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Con tutta la Bellezza che respira intorno

Con tutta la Bellezza che respira intorno

Amore Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Noi siamo nell'ordine delle cose.

La pala d'altare di Jan van Eyck Polittico dell'agnello mistico (Belgio)
La pala d'altare di Jan van Eyck Polittico dell'agnello mistico (Belgio)

 

La Natura è  nella sua fioritura. Così  capiamo, in questi giorni di piena solitudine, che ogni cosa è  al suo posto e che rigoglia e bellezza sono nel senso stesso delle cose prescindibile da noi.  

Ero seta e non sapevo di esserlo. Il ricordo ci aiuta a capire chi siamo. Ci guida verso noi stessi. Disvela la nostra umanità  che si accorda al Principio del tutto. La prescindibilità lede l'orgoglio di chi vorrebbe tutto ai suoi piedi  e reclama il diritto di essere il centro di ogni riferimento. In realtà,  il ciclo e l'andamento delle cose è  comunione e legame. Tessitura e onnipresenza del singolo nella Creazione. La compartecipazione avviene a più livelli attiva nel vero senso della parola, quindi fattiva, oppure sul piano della ricezione e interpretazione. Come api e farfalle ognuno nel suo piccolo  regge il mondo e la reggenza è di chi è parte integrante e attiva della Natura e non ospite. La reggenza è il Femminile che nella sua umiltà sposa la Sapienza, come ben rivela l’opera in copertina del pittore fiammingo J.Van Eychk. La Natura col suo risveglio reclama ascolto e mai come  in questo  tempo la Primavera acquista un senso compartecipando alla politica dell'uomo.

Occorre risvegliarsi per ritornare al giusto ordine insito nelle cose. Occorre uscire per dimorare dall'interno come le api che costruiscono il loro mondo imprimendovi un ordine prestabilito. Oggi questo ci è precluso da chi agisce impostando alle cose il proprio ordine dettato da meschini interessi. Chi non si sottopone a questo stravolgimento viene macchiato di colpevolezza per il semplice fatto di rimanere nel solco del Creato e delle Sue regole. Per il bene comune non si ragiona nell'ottica delle contrazioni, bensi’ dell'espansione del respiro vitale, ma ciò costa fatica farlo comprendere da chi è impantanato nella logica dell'artificiosità che vorrebbe la Natura e il Cosmo proni ai suoi piedi. Non illudiamoci. Tutti quelli che donano in questo momento, mi riferisco a VIP e imprenditori di fama, sanno che donare è  l'unico modo, pur subdolo, di farsi ricordare in futuro. Ciò mosso dai bisogni di una società che attraverso la paura della malattia vorrebbe bloccare la vita.

Ero seta e non sapevo di esserlo, lo scopro adesso riavendomi in ciò che ero.

Ero seta nel risveglio del vento, a cui accedevo risalendo il colle.

Ero seta alla folata di brezza che giungeva dal mare, ricordandomi che il mare è  ciò  che si ha dentro a prescindere dai luoghi.

Ero scialle e seta  quando abbracciavo i rami, arti caduti dal sole in abbandono sulla terra.

Ero seta e germe nei cenci di poesie stesi ad asciugare in cielo all'ombra delle mie lacrime.

Ero seta nella scorrevolezza delle nubi, amalgama stellato e brusio di gocce sul far della sera.

Era seta il mio mondo ed io ero lui. Gli spazi velati della natura nel suo fluido mistero.

Ero seta mai stanca di andare

e contenere la leggerezza di cui ho bisogno e che adesso sviene.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001