All'alba del mondo, le anime
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Ven, Nov

All'alba del mondo, le anime

Antonio Nunziante - "L'alba vinceva l'ora del mattino"

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il tempo dell'anima è quello della possibilità che si esprime in potenziale.

Antonio Nunziante - "L'alba vinceva l'ora del mattino"
Antonio Nunziante - "L'alba vinceva l'ora del mattino"

 

Il tempo dell'anima è pertanto l'alba del sole e del mondo. L'alba della vita che esulta nel neonato. È gioiosa l'anima pura sgusciata dal suo embrione. È una stella e tutto il cielo. È l'atomo e il Cosmo intero. È il fiore che sboccia all'insegna della nuova era. E' il tempo dell'amore e il tempo dell'anima.

L'alba del mondo è il sole che sorge sulla catastrofe.

Nella nostra realtà non possediamo che il ricordo. Esso sazia il cuore e ci rende pieni, degni della vita. La distruzione porta via i corpi ma lascia riecheggiare l'anima che vive ogni distanza e l'urlo della morte. L'amore salva le anime e le anime sposano l'amore e ciò lo stiamo vedendo. All'apice della cultura dell'immagine, in cui il corpo è il significato e non il significante, stiamo riscoprendo il linguaggio delle anime che si parlano nel dolore della loro solitudine che fino ad oggi ha colmato col silenzio il deserto della distrazione. Nuovi amori stanno fiorendo liberi perché tutti siamo appena nati dopo l'incendio Covid che ha raso al suolo il mondo di ieri. Abbiamo sguardi per il cuore, un sorriso gioioso ma non sciocco che non si esalta più alla vista di un corpo, bensì bacia gli occhi del cuore.

È il tempo della corresponsione che con un balzo ha scavalcato quello della corrispondenza romantica del bisogno dei corpi di toccarsi. Ciò che viviamo adesso è la riscoperta dei sepolcri ancestrali. È il tempo di riscoprire l'origine alla radici anche delle parole. Le radici degli etimi contengono la possibilità in seno al Destino del suo avverarsi. Sono strettamente connesse all'inconscio archetipico. Esse sono pertanto spirito o angeli, secondo la definizione di Steiner. È unico questo tempo come unica è la resurrezione da ogni tragedia, ma oggi è il tempo di risvegliarsi e retrocedere per poter proseguire in avanti sulla pista della verità.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.