Gli Dei della creativita', tra pragmatismo e poesia
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Gli Dei della creativita', tra pragmatismo e poesia

Gli Dei della creativita', tra pragmatismo e poesia

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Venere spesso è dipinta nella pittura rinascimentale e neoclassica con la mano che tocca il seno.

Lorenzo Lotto - Venere e Cupido, 1520 circa, olio su tela
Lorenzo Lotto - Venere e Cupido, 1520 circa, olio su tela

 

Ciò non è da intendersi come invito all'eros che la rappresenta ma al nutrimento della vita che si esprime nella continua evoluzione di se stessi nel procedere del tempo. Venere è la dea delle arti, passionale di contro ad Apollo dio della poesia e della metrica declinata allo studio della filosofia. I termini greci Poieo, Poiesis e Apollo hanno la stessa radice etimologica e suggeriscono l'aspetto metodico e accademico delle arti in previsione del fare.

In Apollo non c'è impulso ma premeditazione. L'ingegno intuitivo lascia spazio alla concentrazione da cui discende l'armonia. Atena e Venere spesso nei miti vengono accostate da un discorso di compiutezza dello spettro qualitativo femminile. L'occhiazzurra Atena è colei che conserva il baluginio razionale di Zeus e lo porge al navigante affinché mantenga la sua rotta. Di contraltare Venere è colei che sprona alla vita e conserva dalla nascita dalla conchiglia l'umore del mare che si libera nell'atto sessuale concepito come un ritorno all'antetempore.

È una donna non donna che rappresenta l'icona sublime della femminilità. È una creatura d'acqua che è l'elevazione della materia nella creazione e pertanto è una divinità abbagliante e orgasmica. Atena è l'avvedutezza e la ragione che nella donna calmano l'uomo e lo invitano alla riflessione. La disponibilità di Venere, l'ancella traghettatrice, la ritroviamo espressa nella Madre di Dio cristiana, la pura che attraverso l'acqua riforgia l'uomo nel Cosmo della Creazione. È colei che dà la forma al Figlio dell'Uomo ed è il tramite con la Terra.

Maria, Miryam è la somma di tutto e in lei converge il pantheon classico pagano. È madre e ancella ma anche figura intelligente che segue il Gesù storico nelle sue predicazioni. È madre eletta e sposa accostata alla figura della Maddalena forse una sua proiezione gnostica o molto più. Il suggello del Cristianesimo col mondo ebraico pregiudaico. Lo spirito che aleggia sulla vita e che dà forma alla vita.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.