Il riposo dell'amata
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il riposo dell'amata

Il riposo dell'amata

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nella Bellezza l'anima è al riposo, tra le braccia della sua provenienza.

Jean-Baptiste (James) Bertrand (French, 1823-1887) Ophelia
Jean-Baptiste (James) Bertrand (French, 1823-1887) Ophelia

 

A riposo, la Bellezza non dorme. Acquisisce agli occhi di chi la percepisce la sua integrità. Si riposa quando si è in pace a riparo dalle sofferenze e dalle colpe. Si riposa quando si è al sicuro. La Bellezza allora, ritrova la sua armonia. Non può esserci bellezza se non in una condizione di riparo felice, perché non si avvertono contrasti. La Bellezza quindi, è ritrovare l'Elysium perduto, quella condizione di primigenia culla di ogni cultura umana. La condizione di riposo è la bellezza perduta che si fa eco. La Bellezza è ricondursi attraverso l'altro all'arcana tranquillità. La Bellezza è il riposo degli amanti che si accucciano l'una nell'intimità dell'altro. È ritornare alla grotta della nascita. È un incipit all'indietro, e l'uno diventa madre dell'altra. Il sonno dell'amata è un veleggiamento tranquillo a ciò che sta prima di ogni passo nella vita. È l'incontro col cielo tramite la terra che si fa giaciglio dell'anima. La Bellezza allora sposa la Natività che è la poesia del Natale. È il guscio che contiene la coppia ed è la coppa a cui gli amanti si dissetano, facendo ritorno alla primigenia fonte, nel nulla del tempo. Nel riposo la Bellezza è viva e rifulge di concentrazione, sospendendo la fuga del tempo. È unione nel Firmamento che si flette, nell'Universo che si contrae e si adagia a noi vicino. È il nulla da cui sboccia una rosa e ci accoccola nel suo centro. È il feto che eravamo e ritorna ad essere, mentre baciamo con gli occhi l'amato che dorme. Egli è noi stessi come non potremmo vederci mai, il nostro pupo e il frutto dell'amore ancora orfano del nome.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.