Bellezza e Amore
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Bellezza e Amore

Nodo Celtico dell'amore

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'amore avvicina la Bellezza che altrimenti resta distante.

Nodo Celtico dell'amore
Nodo Celtico dell'amore

 

La Bellezza è lontana e tramite l'amore si rende tangibile. L'amore e la bellezza sono da sempre collegati ed esprimono il sentimento umano più alto trasferito sul piano divino. L'Amore supremo pregna l'Uomo che lo restituisce a Dio attraverso i riti sacrificali. Anticamente la Bellezza era l'amore consacrato dal matrimonio che richiedeva l'approvazione e la benedizione degli dei. Mentre oggi siamo portati a riconsiderare il matrimonio filtrato dall'ottica di disincanto della vita sicuramente più complicata rispetto a quella dei nostri avi, un tempo la coppia nella sua narrazione era un nodo che stemperava le avversità. questo è un concetto che ritroviamo espresso dal Nodo Celtico o Legame del Cuore che descrive l'importanza per i Celti del legame amoroso. I Celti erano sì un popolo pacifico, ma d'impostazione cacciatoriale. Allo stesso tempo coltivavano il senso di devozione verso proprio territorio e verso la propria famiglia. Quando ha incominciato a sgretolarsi la loro civiltà, la perdita degli equilibri prima conseguiti, ha apportato la crisi in diversi settori, facendo franare la stabilità dei legami del cuore, come dimostrano i miti altomedievali, poi traslati nella letteratura cortese.

Un tempo la famiglia era nucleo e fonte di forza. La casa era il nido che assicurava prosperità alla progenie. Non che fossero tutti rosa e fiori i matrimoni, ma il principio della solidità consacrata dal legame era inviolabile e trionfava sulle particolari vicende umane. La donna e l'uomo riconoscevano i loro reciproci ruoli e li rispettavano. Ciò faceva sì che la realizzazione del singolo venisse protratta anche nel privato. Le frustrazioni che oggi sono all'ordine del giorno erano considerate mosche bianche.

La lotta è nella vita e il dominio nel corso delle esperienze e del processo di maturazione individuale acquisisce un significato diverso, più spirituale. L'uomo combatte per conquistare e altresì proteggere, elevando a bellezza se stesso attraverso i principi a cui è stato educato.

L'amore diviene quindi esplorazione della tradizione che nel mito di Amore e Psiche tante volte ripreso e rivisitato espleta la sua magnificenza. Così come nella sovrapposizione della bellezza all'amore nel mito di Venere.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.