Gli insondabili spazi dell'Amore
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Gli insondabili spazi dell'Amore

Gli insondabili spazi dell'Amore

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Mi piace ascoltarti, hai una voce bellissima. È già amore.

Antonio Alciati, Convegno, 1918
Antonio Alciati, Convegno, 1918

 

È l'alba che si spiega. È una luce, è un colore, un manto bianco che si distende come il lenzuolo di un fantasma trapassato alla sua patria di provenienza. È la regione dello spirito a cui tendiamo con un colore. Gesù trionfa all'alba nella sua Resurrezione calandosi nella dimensione reale che per noi è sogno. Smettiamo di vivere nella notte e la realtà che ci appare è sogno che traveste il reale affinché i più svegli ne carpiscano l'essenza.

L'illusione dell'Arte cos'è se non l'approccio alla Verità contenuta nel transeunte?

Chi vive nell'illusione intravede la realtà che c'è oltre. La bella donna oltre le sue vesti che il corpo dell'uomo cinge e assapora.

Bersi è amarsi. Ricongiungersi all'indistanta natura dell'acqua che nella coppia acquisisce l'odore della propria unità. Più che uno stato, l'unità è la patria da cui discendono le anime più sensibili e che rivivono straniate di giorno in giorno attraverso il richiamo della nostalgia e del sogno. Nel vero amore non si arriva mai nel reciproco abisso per la distanza del contingente. È il confine dei sogni che rende uniti coloro che si assomigliano. Si è i gemelli scelti delle famiglie antiche a monte delle teogonie trasfuse nei Miti. Il proprio amore è così, la parte nascosta che spetta al cielo dal primitivo significato di nascondere. Il cielo è lì palese nel suo abbaglio frastornante di giorno come di notte, e la sua profondità inarrivabile è la Patria dell'amore. Non si finisce mai di amare all'interno dell'intimo due, perché la profondità è sempre insondabile. Ma ci chiama e ci lega ai reciproci calici all'interno della coppia.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001