Negli spazi indivisibili delle cose
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Negli spazi indivisibili delle cose

Negli spazi indivisibili delle cose

Amore Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ho sempre rincorso l'eterno nelle cose che hanno per definizione un limite.

Negli spazi indivisibili delle cose
Negli spazi indivisibili delle cose

 

Forse perché credo nella Verità dell'invisibile presente negli spazi infiniti, nel vuoto tra una particella e l'altra che anche nella materia più comune custodisce un profondo mistero. Sembra un ossimoro cercare ciò che riempia in un mondo sfolgorante di sazietà e struggente nel suo essere nel tempo e nello spazio, eppure ho sempre valutato l'invisibile come fosse la vera natura delle cose, cercando di afferrarne il senso con l'immaginazione che porta a una visione traballante della concretezza manifesta.

"Siamo ciò che non vediamo" raccoglie il succo di questa mia esperienza terrena che porta dentro di sé il bagaglio di altri cieli di cui non conservo memoria se non un'inguaribile nostalgia. Essere qui e altrove rappresenta l'eterno conflitto a cui il mio spirito mi sottopone grazie al supporto di una vista che nonostante stia affievolendosi per l'età, rivela sempre più tracce di cose nascoste. Non so se l'effetto sfumato destato dalla miopia agevoli questo processo di espansione della percezione delle cose o frustri il viaggio nel limite, fatto sta che l'alba per me va racchiudendo sempre più al contrario del tramonto il senso del giorno. Sarà che l'alba sbianca nella rivelazione ciò che nel buio tace. Alba, dal latino: bianco è la somma di tutto, della notte e della luce che pian piano acquista la sua collocazione nel mondo ridisegnando i contorni.

Il tramonto è rassegnazione all'oblio e il tuffo nella nostalgia che imbratta le mie ali preparandomi al sonno in cui perdo il contatto col tangibile per riemergere nel regno del vuoto, ossia dell'infinitamente piccolo e distante nel tempo e nello spazio.

La distanza ci rende presenti ovunque perché nella distanza ci riempiamo di quella verità inafferrabile che determina la sfuggenza nel momento in cui siamo a contatto stretto col mondo.

Sono altrove e sono qui da sempre e credo che morirò rifugiandomi negli spazi dormienti, in quei vuoti che conciliano immaginazione e scienza trovando il punto di congiunzione tra i miei ossimori.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001