L'amore ricordato
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'amore ricordato

L'amore ricordato

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Anche l'Amore va ricordato che è altro dal rinfrescato.

In the cave. Rudolf Rossler
In the cave. Rudolf Rossler

 

Si pensa troppo al bisogno di riaccendere una fiamma in via di affievolimento quando semplicemente, il sentimento andrebbe ricordato, ossia riesumato dal cuore. E come? Attraverso la voce capace di parlare da cuore a cuore, cosa che ormai non fa più nessuno. Nessuno parla e nessuno si confida e la coppia è un interno vuoto. L'arredo degli spazi siamo noi stessi che diamo senso ed espressione al vuoto. La coppia oggi è un vuoto senza desiderio e un cumulo di segreti. Come può una coppia definire tale se manca la confidenza? Parola strana oggi, confidenza... parla di limiti troppo spesso valicati da chi si arroga il diritto di superare la privacy senza autorizzazione e manca invece totalmente tra anime in fiducia reciproca. La confidenza è un dare senza prendere, è la misura venata di affetto che ti fa indossare per l'altro la discrezione. Oggi la confidenza è il tunnel dell'amore quando è ancora acerbo. È un no secco pronunciato per salvaguardarsi e così facendo si preserva la mente ma non il cuore che invece avrebbe bisogno di donarsi e nel contempo di ricevere.

Lascia pensare e dovrebbe indurre a riflettere l'abuso, nella lingua specchio dei comportamenti umani a riguardo del vocabolario giuridico, teso a voler mantenere le distanze in modo asettico senza alcun coinvolgimento. Si ricorre troppo spesso alla Legge allo scopo di preservarsi nell'immagine che è figlia della mente ma non del cuore che non si cura di alcun gioco fittizio e moralismo. Siamo caduti nella subcultura dell'inganno che ci porta sempre a confrontarci tra noi l'un l'altro con l'occhio del nemico. In tutto questo dimentichiamo l'amore e la sua importanza. Per tale ragione va ricordato e ciò che si ricorda da sé si risveglia e cresce nel pieno del suo vigore.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.