La traslazione delle stelle
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La traslazione delle stelle

La traslazione delle stelle

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I legami fioriscono e sono retti dall'anima. Tutto ha un'anima. Tutto è  anima. Tutto è trama e tutto è labirinto.

Gustave Camille Gaston Cariot - Georgenborn sous bois
Gustave Camille Gaston Cariot - Georgenborn sous bois

 

Siamo portati a credere che le stelle siano lo splendore del cielo. Che abitino lassù, lontane da tutti come un miraggio di bellezza. Più che un miraggio, in realtà sono la traslazione di ciò che siamo e che tutti, ognuno per proprio conto, ha dentro di sé. La stella in tale ottica appare quindi un archetipo remoto che oltre ad avere il connotato di luce, ha rami che irradiano splendore. In passato l'Esoterismo accademico si è più volte soffermato sull'importanza del punto come centro e origine insito nel cuore delle cose, tralasciando braccia, rami e raggi. Ciò è giusto in rapporto alla scoperta del Sé, ma nel momento in cui volessimo analizzare l'interpretazione tra il Sé e l'oggetto esterno e il riassorbimento del relativismo nel Sé, allora tutto ciò che è periferico rispetto al centro ed esprime verso e direzione, avrebbe il suo fondamento e la sua importanza.

Attraverso la riqualificazione del patrimonio sapienziale delle antiche civiltà e il riferimento ad esso della Fisica Quantica abbiamo compreso che l'esterno non è che una proiezione di ciò che è dentro di noi e che, in quanto tale, ci appare sconosciuto. La psicanalisi junghiana ha anche il merito di aver ripescato questa prospettiva nella riconsiderazione del mondo in rapporto al Sé. Di conseguenza, se tutto è dentro di noi e gli archetipi sono finestre attraverso cui spingerci nel nostro interno, comprendiamo che le stelle che vediamo, sono cariche di luce che consentono di legare la tenebra presente dentro di noi all'illusione esterna.

Tutto ciò che è presenza trascende da una luce propria.

Le stelle quindi, sono spie sui sogni che comunicano al soggetto alti contenuti nella loro segretezza. Di conseguenza, ogni cosa che è fuori di noi esprime raggi e potenza di luce accoglibile attraverso gli anfratti della coscienza. I raggi prendono e conducono, esprimono e offrono e sono delicati messaggeri della giusta condotta, nel momento in cui diamo e attingiamo dall'illusione che apre squarci in noi stessi dove dorme il Vero. Prendere è anche dare perché per prima la luce si crea dal buio per offrirsi spontaneamente, obbedendo all'ordine delle cose. Questi meccanismi che trapassano la nostra logica sono giustificati dall'intelligenza del cuore che applica la sensibilità individuale in rapporto alla lettura delle cose.

Anche gli alberi hanno i loro raggi che svettano dal basso verso l'alto e attraverso questi assorbono e danno per nutrire se stessi. Anche l'uomo ha i suoi raggi che abbracciano e conducono. Occhi e braccia e gambe e i legamenti invisibili della materia piccola e primordiale che viene sorretta dal vuoto che predomina nella materia e caratterizza tutto ciò che chiamiamo Universo. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.