Sento quindi sono
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Sento quindi sono

Sento quindi sono

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Come in Cielo così in Terra, siamo simili quanto diversi. Spariamo echi di solitudine per la volta che ci sovrasta con l'intento di ritrovarci.

Sento quindi sono
Sento quindi sono

 

Che non sia questo il senso del Vuoto, ossia reprimere il silenzio?

La solitudine si fa silenzio e viceversa, nel momento in cui ci si abbandona alla propria unicità in senso catastrofico. In una realtà che opera al fine della massificazione, l'unicità è condanna alla solitudine, a un vuoto che diventa nulla, quando il nulla è propriamente dispersione di ogni singola identità.

Se il Novecento ha ereditato dal Romanticismo la propensione al sentire per sentirsi, aprendo così un canale tra l'esterno e l'interno, oggi il sentire è soffocato perché veicola le unicità. Ognuno sente se  nutre l'oggetto dentro di sé, caricandolo di quella storia che è in verità la Protostoria che ereditiamo insieme all'alfabeto archetipico. Se il Novecento si attarda sulla cultura della Psicanalisi che consiglia  all'uomo di perlustrarsi attraverso il Sogno, oggi proprio la Psicologia che ritiene di aver acquisito e interpretato per intero il Pensiero junghiano, tende a sottostimare l'arche' del Sogno, tramite riferimenti che catapultano l'uomo nella dimensione esterna.

“Sono perché sento” sembra non giovi a nessuno, in quanto porta alla maturazione di una sana libertà. Sono perché sento vuol significare che dentro ho i Mondi infiniti che determinano il mio valore di potenza. Nel momento in cui la Sociologia si fa denuncia, perde di vista la sostanza dell'uomo per ricondursi alla giostra delle relazioni sociali che spogliano anziché riempire. La vita mai come oggi è stata concepita come lo svuotarsi di tutto senza alcuna finalità costruttiva. È l'annichilimento che converge verso la dominabilità che si serve volutamente della propria rete autostradale di movimenti esterni, ormai un traffico che scorre per lo più online. Il Pensiero logico e dialogico d'impostazione classica della filosofia cartesiana è stato superato dal Decadentismo. La teoria Cartesiana del cogito ergo sum (penso dunque sono) inasprisce la contrapposizione Dio sole e Pensiero Sole intorno a cui anche la Terra gira. Il Pensiero produce l'uomo e così l'antitesi nei secoli post illuministici orientati sull'asse portante della realtà emozionale. Il Pensiero oggi è nullo perché nullo è il confronto dialogico così come quello riflettente il proprio Universo. L'Uomo non pensa e non si riflette sulle cose. Asettico a tutto, finanche ai propri sentimenti, è un io solitario che naviga sballottato tra gli umori discordanti del Mondo.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001