Il sogno del dio dormiente
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il sogno del dio dormiente

Il sogno del dio dormiente

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Al principio era il sogno. Il dio dormiente nella vulva della notte.

Moonlight (1885) - George Inness
Moonlight (1885) - George Inness

 

Ti porgo la mia pace, È realtà. È promessa.

La pace del risveglio è luce e incantamento. Il dio si sveglia e scopre di essere figlio e Uomo e di costruire il suo sogno che è l'amore. È questo l'incipit di tutte le teologie e di tutte le mitologie che fanno riferimento all'arché poi trasfigurato dalla cultura sociale che ha visto in molte favole e fiabe dormiente la donna e non l'uomo. Le fiabe e le favole nascono dalla cultura convenzionale che prevede la razionalizzazione delle religioni sottoforma di istituzioni. Queste, in quanto tali, si soffermano sulla cronologia di eventi ritenuti storici e che quindi non glorificano Dio come seme dell'Universo in rapporto al Vuoto primordiale.

Nel processo di razionalizzazione è andata smarrita la cultura del risveglio che ha la funzione di ricondurre l'uomo al suo centro. Di conseguenza ha preso piede il mondo delle illusioni. L'illusione è la trama di rapporti sospesi sul filo del presente, affidati al tempo come momento e al caso. Nella teoria del Sogno il caso non esiste e ogni circostanza non è che il filo di un disegno globale.

Il mandala quindi, non è che la rappresentazione visiva del sogno e infatti "Mantra" e "Dream: sogno " si appartengono etimologicamente. Lo stesso dicasi per la parola Madre che ritroviamo legata a Mantra e a Dream.

Il Sogno dello Sciamano è l'interruttore che accende la realtà contingente da scuotere attraverso il viaggio verso il proprio centro, a cui corrisponde l'uscita dal proprio confine spaziologico.

Il sogno è la madre dello Sciamano. È l'imbrunire della vita che si conclude col ripristino del dio dormiente.

Il languore che ritroviamo negli stati di abbandono crepuscolare è la condizione orgasmica prenatale e sconosciuta che compare nel racconto della genetica dell'anima.

Nella logica dell'amore siamo accomunati dagli stessi sogni. Le coppie che non li coltivano, si separano.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.