Salviamo la Poesia e innalzeremo noi stessi
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Salviamo la Poesia e innalzeremo noi stessi

Salviamo la Poesia e innalzeremo noi stessi

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

L'impronta di grandezza di una poesia si riscontra nei versi di conclusione.

Salviamo la Poesia e innalzeremo noi stessi
Salviamo la Poesia e innalzeremo noi stessi

 

L'inizio e la fine e poi, nel mezzo lo sviluppo che unisce le due parti. Il nucleo centrale è l'evoluzione dell'idea del poeta che col cuore riflette sul mondo. Esso avviene in forma di tessitura dorata ma non troppo al punto da involarsi tra piume di parole. La poesia dev'essere scalpitante e al tempo stesso deve fluire armoniosa sul letto di parole mai buttate a casaccio. È come una partitura d'orchestra o il copione delle grandi opere recitate dai maestri del teatro che a giusta ragione, calcano sull'incipit e poi procedono rotolando con la leggerezza di un acrobata che conserva per il finale il suo numero geniale.

La Poesia è il monte dei saggi e mi sovviene Zarathustra di Nietzsche. E' l'addio dei folli che si accomiatano dal mondo.

La Poesia ha vita propria ed è un Mistero. È prodotto e altresì motivo di riflessione anche per il Poeta che si confronta con se stesso e si rilegge come fosse davanti a un terapeuta. La poesia è manto levigato che ricade sulle spalle nelle ruvide sere d'inverno. È Natura che passeggia tra i pensieri sottobraccio al Tempo che s'incrina e risolleva al ritmo canzonato delle stagioni.

Salviamo la Poesia e salveremo noi stessi dalla solitudine nera, ballando come sui tasti di un pianoforte enunciato dalle note del cuore che si fa volo e deserto, oppure asimmetrico sfondo a un sole che muore e risorge sfiorando l'accenno di un sorriso.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.