Il cibo come eternizzazione
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Il cibo come eternizzazione

Il cibo come eternizzazione

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nella società attuale tesa alla mercificazione di tutto, chi può ritenere che ad esempio la gallina, solo perché ha le zampe, sia più sensibile della cicoria?

Il cibo come eternizzazione
Il cibo come eternizzazionea

 

Possibile che ci siano ancora persone incapaci di vedere sensibilità e anima in tutte le cose? Persino le pietre luccicano di materia sensibile, nonostante appaiano superficialmente di materia inerte. E la Terra non ha forse un cuore pulsante al suo centro, che molti identificano in una gemma di diamante?

I vegani e i vegetariani non peccano forse di presunzione per il semplice motivo di disciplinare se stessi e gli altri su cosa vada o non vada mangiato, macchiandosi così della peggiore ignoranza, ossia quella di slegarsi dall'ordine della Natura?

Non sanno forse, che attraverso il palato e la digestione e attraverso quel processo magico ritualistico che ha consentito all'Uomo di evolversi spiritualmente e nominato Transustanziazione, il cibo animale entra in un altro processo vitale che lo eternizza?

Possibile che non abbiano mai studiato approfonditamente l'Eucarestia, i riti dionisiaci, le culture sciamaniche e il tanto citato e oggigiorno osannato Osiride?

Tutto è cibo per noi e per la Natura e grazie a questo principio preserviamo gli equilibri di vita e morte nella grande catena organica della Natura.

L'importante è avere consapevolezza che siamo tutti qui per vivere e morire ad ogni istante a noi stessi e agli altri, nella certezza di una e più rinascite, e di una Resurrezione ancora più oltre.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001