I miti e la cenere
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
29
Dom, Nov

I miti e la cenere

I miti e la cenere

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Un tempo gli uomini erano forgiati ad essere eroi capaci di uccidere per il bene della tradizione di passato, presente e futuro.

Siegfried, illustration from a printing of Nibelungenlied
Siegfried, illustration from a printing of Nibelungenlied

 

Gli uomini di oggi sono invece codardi impauriti già dalle parole. Questa è una società non solo senza Dio, ma senza dei e miti. Ormai senza più un altare s cui immolare se stessa.

Quando muore una civiltà?

Si può morire stando in piedi o distesi sul proprio letto di cenere. Chi lotta per una causa che va oltre l'uomo, è un combattente che muore in piedi, come è successo all'eroico Mishima. Oggi nessuno muore più in piedi, perché non esistono miti incarnati.

Il mitologo Campbell in una intervista ha asserito che i miti si rigenerano e che oggi sia possibile parlare di mitologia metropolitana. Io purtroppo sono più pessimista di lui e asserisco che se è vero che Dio è morto è altresì vero che tutto l'Olimpo è ormai una nuvola di nullità perché ad essere distrutto è il nostro spirito deistico che in altre epoche ha reso l'uomo una fiamma ardente senza tregua. Oggi non solo è morto Dio, ma è morto anche l'Uomo in quanto immagine pensante e riflettente Dio.

Che senso può avere Dio per un popolo che lo disdegna non riconoscendosi più in se stesso? È morta l'anima, lo spirito e la coscienza sognante il mondo.

All'uomo non resta che adagiarsi sconfitto sul suo letto di cenere nell'insignificanza pura di un corteo attonito.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.