L'affermazione di Dio nel nuovo Millennio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

L'affermazione di Dio nel nuovo Millennio

L'affermazione di Dio nel nuovo Millennio

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La cosa più bella che io abbia mai perlustrato, la tua interiorità.

L'affermazione di Dio nel nuovo Millennio
L'affermazione di Dio nel nuovo Millennio

 

Un bosco inatteso che all'improvviso si è spalancato ai miei occhi. Era inaccessibile come tutte le visioni che trascendono il tempo e lo spazio e acquisiscono valore metafisico.

Chi sono i nuovi angeli? Si chiede la Yoshimoto nei suoi romanzi. Forse coloro che ci assistono nei momenti più delicati?

Io dico, coloro che ci accompagnano nell'arduo valico, cogliendo la nostra prontezza ad andare oltre. In questo le anime battono il tempo e lo sconfiggono in quanto illusione. Siamo pronti perché centrati nella dimensione propria del sempiterno. Pertanto, ogni rivelazione accade perché già in noi, come immagine pura e trascendentale, e noi siamo pronti a riceverla. In virtù di ciò, l'uomo degli anni Novanta si è sentito capace di affrontare la nuova era e di varcare la Porta Santa del nuovo millennio. Ne è stato capace grazie alla sua padronanza del mondo in chiave ontologico metafisica. Al volo però, sono seguiti orizzonti di grandi deserti.

Abbiamo bisogno oggi, di una nuova cultura che non si affermi come possibilità oscillatoria tra il probabile e il nulla, ma che radichi l'uomo in sé stesso non dal di fuori ma agendo dal di dentro. Di un cultura che sia non salvifica o soteriologica, bensì profondamente ontologica. La chiave della santità va colta nelle cose grazie alla funzionalità nel presente della grazia immaginifica che viene ricambiata da Dio agli uomini di Fede. Che la Fede ci salvi dal finto dio elaborato a tavolino dai potenti. E ci salvi da noi stessi.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.