La scrittura e il potere della lettura
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
03
Gio, Dic

La scrittura e il potere della lettura

La scrittura e il potere della lettura

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

In ciò che si contrae c'è un senso di compiutezza. Si contrae un accordo, il matrimonio, una malattia... Un unico verbo per svariate situazioni. Alla base c'è l'esigenza di dare corpo a un qualcosa di finito e quindi irreversibile, in un mondo governato dall'instabilità.

"Edma Morisot lisant" par Berthe Morisot (1867)

 

La Legge impone l'ordine affinché il quieto vivere dimori in un mondo dominato dalle sopraffazioni e gestito da impossibili accordi regolati dagli svariati ego che comandano gli uomini. L'Etica applicata alla Legge fa sì che gli individui, seppur compressi dentro le rigide formule vergate, siano persone.

"Legge" e "Contratto" sono il primo antecedente e altresì consequenziale al secondo. Chi legge possiede il governo delle parole che decifrano il mondo. Il contratto è di chi scrive. Con-tratto, ossia, segno sul foglio bianco. Chi scrive lascia una traccia di sé nel mondo che lo ospita, ma la cultura di chi possiede la dimestichezza nello scrivere, gli fornisce l'opportunità di uscire dal suo proprio universo e di interagire con gli altri lasciando il segno di sé al di fuori. La penna del poeta è il pennello del pittore che riproduce l'armonia delle proprie emozioni imprimendole delicatamente sui contrasti del mondo.

L'uomo è nato lettore innanzitutto, di quanto gli accadeva intorno. Lo stupore alimentato dal ciclo della luce e dai movimenti del cielo lo hanno reso riflessivo e da qui creativo. L'apertura al mondo si traduce nel bisogno di comunicare attraverso la creatività primitiva di cui l'uomo ci ha lasciato traccia attraverso i graffiti e la pittura rupestre.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.