La Magia delle stelle gemelle
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La Magia delle stelle gemelle

La Magia delle cose e l'esperienza dell'abbandono

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Lasciamo le teorie del ciò che serve fuori dai rapporti più intimi o verremo schiacciati da una concezione materialistica e arida dell'esistenza.

Fichier: La gardeuse de chèvres Pierre Puvis de Chavannes
Fichier: La gardeuse de chèvres Pierre Puvis de Chavannes

 

Il "dare e il ricevere" è una formula insidiosa che si adatta a un dispendio di energie in cambio di una remunerazione. Nei rapporti c'è il sentire che percorre altre strade e si prefigge altri obiettivi che non ci è dato conoscere.

Siamo sulla terra non per imparare ma per rimpossessarci di ciò che abbiamo perduto un giorno nascendo. L'infanzia ha in sé tutta quella carica di comprensione e di tenerezza utile al fine di farci crescere nella prospettiva di un incremento della sensibilità utile a noi stessi e agli altri. Dell'infanzia è la percezione di essere legati a tutto e a tutti e di essere parte di un magico disegno in cui ognuno si tiene per mano e in cui l'inanimato non esiste. Tutto parla intorno a noi chiedendoci coraggio e impegno nel proseguire. L'abbandono non esiste perché tutto è vero e in quanto tale presente. Il proprio genitore che lascia questa dimensione diventa altro, trasformandosi in animale premuroso o in pianta che gioisce in primavera dinanzi ai nostri occhi. O ancora, varcata la soglia degli angeli, nella nuvola che ci benedice fluttuando.

Nulla va via, tutto si trasforma e l'adulto che vivrà l'esperienza drastica dell'abbandono, maturerà nuove ragioni che sono proprie della regione del cuore e che erano in lui già nell'infanzia. Capirà, perché recupererà in sé tramite l'esperienza del dolore, che i volti fluttuano ma l'anima delle cose è intrecciata nel suo intimo e colma il tutto.

Una frase detta dal precedente amato ritorna in altre vesti e si avvicinerà a noi per deliziarci. Le stelle sono infinite ma tutte si appartengono nell'unico grande volto che è quello della notte. Fili dorati e d'argento tracciano tra loro incontri, definiscono racconti che s'imprimono nello sguardo sveglio sottovoce. La Magia parla a chi la identifica. Regna intorno a noi perché già dentro di noi e non può essere compresa con le leggi della ragione.

Poi ci sono le stelle gemelle che splendono all'unisono come sorelle care, o la coppia di innamorati che tanto vorremmo essere o vivere nella nostra vita. A questa corrispondenza aspiriamo tutti anche negandola con la mente. Vi aneliamo perché ci consentirebbe di incontrare noi stessi e di valicare le vette del cielo.

Solo l'amore vero e non illusorio porta a incontrare noi stessi in una doppia unione con l'altro che ci corrisponde, e con la nostra intimità più vera negata agli altri e prima ancora a noi stessi. E questa è Magia.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.