Io e il Presente nella società consumistica
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Io e il Presente nella società consumistica

Io e il Presente nella società consumistica

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sappiamo tutti che un tempo, e mi riferisco a quello dei nostri nonni e ad ancor prima, la realtà era diversa.

Max Guarini - Modern Love IX
Max Guarini - Modern Love IX

 

Oggi internet e i social hanno vanificato i rapporti, il benessere ci ha portati al tutto e al subito e al mordi e fuggi. Alla consacrazione del tempo Presente in cui tutto nasce e si vanifica in un attimo.

Però io so di essere diversa da questa realtà. Come me pochi altri per la verità sulla mia stessa lunghezza d'onda, estranei al pensiero diffuso secondo cui oggi ci sei e domani non si sa.

Non associatemi quindi, alle teorie sperimentate quanto illusorie che sostengono il cambiamento continuo di tutto e dei sentimenti e dei rapporti. Io sono per la continuità nei legami e il presente che tanti pseudo orientalisti stravolgono facendolo aderire alle loro teorie utilitaristiche quanto strampalate, per me è e sarà anche domani così come lo è stato ieri.

Non sarò mai come chi proclama sotto una forma di suo arbitrario rispetto il fatto che ci si senta fino a un dato momento e poi d'un tratto non più. Non sarò mai come chi oggi ti cerca e ti apprezza e domani riattaccherà il telefono.

Per me chi esiste oggi, esisterà sempre. Prendo atto del fatto che nella realtà odierna chi vorrebbe un'umanità diversa e antica sa di non poter lui per primo, dare l'esempio e tracciare un suo seguito.

Una cosa chiedo: rispetto per la mia anima.

Vorrei che tu non finissi mai. 

Espandi i miei orizzonti come fa la luce al primo chiarore dell'alba e plachi i miei sospiri. Tu che dilati le pareti della mia esistenza e amplifichi in te il mio respiro.

"Accogliersi" pensandoti è una parola magica, la giusta chiave per il mio mondo. Non va pronunciata con l'intenzione di accumulare, bensì di espandersi nella comprensione di tutto. Crescere in due per me è questo.

Leggi la Poesia: Anche il silenzio e' tornare

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.