Figli, foglie e poi... restare
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Figli, foglie e poi... restare

Figli, foglie e poi... restare

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ci accomuna tutti l'unico destino di lasciare. Vivere è tornare e lasciare, non trattenere. Di pochi è restare. Proprio colui che afferra in profondità il senso delle cose, non trattiene. Egli sposa l'essere che è sempre in ogni verità, e’ la verità.

Thomas Edwin Mostyn - The Child
Thomas Edwin Mostyn - The Child

 

Il poeta è colui che scolpisce, trattiene il tempo d'un alito di vento dentro di sé per non far scorrere via l'inafferrabile e l'ineffabile. Il poeta coglie e imprime se stesso in un mondo che pensa a rotolare via nelle tempeste di vento.

Ci urta ciò che noi cogliamo come finzione.

La sofferenza è l'effetto del restare. Si resta accanto a chi non è più. È dipartito o partito via dal cuore e ha intrapreso una vita propria. Ciò che resta dentro di noi intesse una corrispondenza sottile e animica con chi si è diretto altrove. Certe forme di vicinanza non si dissolvono. Afferrano l'essere e lo trasformano indipendentemente da lui. L'amore s'infila e colpisce divenendo energia pura e quindi invisibile.

Se pensiamo, siamo nella realtà contingente. L'amore pensato è il tradimento dell'amore per il fatto stesso che perde il suo significato di essere. Quando pensiamo non siamo. Siamo quando veniamo rapiti dall'epifania che è rivelazione attraverso cui si spoglia l'immagine ed emerge l'intranseunte luce della verità che è principio supremo.

Il poeta coglie perché attrae la verità. Egli è ciò che non sa e pertanto è dentro di sé, lì dove ha tutto in sé. È in dissonanza con la realtà contingente fatta di abbandoni e tradimenti e per questo soffre. Le sue esperienze sono quelle del mondo che lui avverte dentro di sé o in chiave mistica o epifanica o pragmatica. Questa sua condizione lo spinge ad essere al di sopra delle leggi fisiche e terrene. Egli resta nel tempo, evidentemente trattenuto dai posteri e dai maghi. Egli è padre e figlio, in un mondo in cui siamo tutti figli e foglie perché destinati ad andare.

È bella l'assonanza tra figli e foglie. Le foglie si staccano e prendono la via del vento. L'inglese leaves: foglie cadute o d'autunno, rende l'idea perfetta di ciò che si perde e vola via. To leave e to live appartengono alla stessa radice anche di pensiero, secondo cui la vita è lasciare. Pertanto è il dovere di tutti restare sottoforma di ricordo o d'impronta che risuona in chi nasce e prende a vivere.

Il foglio è la via di mezzo. Vola ma resta nel momento in cui è lettera che tocca il cuore o impronta di contenuti. Il foglio si poggia sempre su qualcosa o qualcuno. A lui la ridefinizione in di nuovi orizzonti partorendo il poeta. Restare è il futuro di chi ha scelto di trasformarsi in dono attraverso la via della sofferenza. Di trasformarsi da foglia in frutto.

Leggi la Poesia: Figli e foglie

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.