La societa' dei Giusti
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Mar, Nov

La societa' dei Giusti

La societa' dei Giusti

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Sono diventata particolarmente insofferente verso quegli slogan lanciati a mo' di bombardamento mediatico contestativo del tipo: "La felicità dipende da noi. È tutto nel pensiero... ecc... ecc...".

Marc Chagall - Il figliol prodigo
Marc Chagall - Il figliol prodigo

 

Ci sono delle oggettività effettive che non possono essere accomodate con queste espressioni messe in rete con l'immediatezza e la superficialità da far perdere loro il valore intrinseco che andrebbe trattato con le dovute modalità e nei giusti contesti. La società attuale è messa duramente alla prova da eventi che non prescindono da essa e dei quali è pienamente responsabile. Dobbiamo far fronte alle problematiche attuali agendo e provando in primis a razionalizzare quanto sta avvenendo. È compito di tutti intervenire prima che subentri la cancellazione dell'Uomo e di tutti i suoi attributi. Sperare con l'evoluzione del Pensiero di risolvere questa situazione globale è di una banalità sconcertante e inaccettabile. Occorre essere vigili, informarsi e seguire passo passo il procedere degli eventi, affinché l'essere umano non si rifugi nella sua meditazione soggettiva, abbandonando quindi il mondo alla sua sorte, cosa questa che ci insegnano le civiltà orientali, dell'India innanzitutto.

La religione e le Filosofie teologiche devono necessariamente orientarsi concretamente verso il Bene, confrontandosi con le loro realtà sociali, riprendendo una posizione di netto rifiuto verso la sofisticata condizione di permanenza nell'empireo teoretico. È quanto l'illuminato Kant sosteneva a proposito della positività di alcune religioni al cospetto di altre.

La Gerusalemme Celeste non è chiamata a interferire con la società, ma è la società che dovrebbe tendere al suo profilo di perfezione confrontandosi quotidianamente col piano dei Giusti.

Cosa potrebbe significare essere giusti oggi? È la domanda che dovremmo porci quotidianamente. E come adoperarci per realizzarla? Ben ci vengano in aiuto i classici e gli umanisti, ma anche i filosofi e i teologi del passato, che la Scuola di oggi e chi la rappresenta, vuole mettere al bando.

Nessuno si è mai salvato da solo, ma affinché prevalga il buon senso di una comune costruzione, occorre rispolverare i principi umani alla base del modello civile e sociale, perché di noi nulla vada perduto.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.