Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Lun, Nov
0 New Articles

Abbiamo 172 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Sulla legge mandalica del ricordo

Sulla legge mandalica del ricordo

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

I ricordi sono visite

Sta a noi accoglierli oppure respingerli dietro la porta, purché non ci siano rimpianti. Ogni visita ha di per sé un senso e nulla può indurci alla profonda comprensione più del dolore. L'assuefazione al dolore crea limiti, impedisce all'anima di edificarsi.

Celti - calderone di Gundestrup particolare
Celti - calderone di Gundestrup particolare

 

Più un'anima è matura, tanto più è fitta la rete delle corrispondenze, una maglia labirintica che la riconduce al suo centro. Un'anima evoluta non si è costruita solo intrecciando ciò che la riporta a se stessa, ma stabilendo contatti con tutto l'universo, come i Celti e i lontani saggi orientali sostenevano.

La Magia non si limita alla mera conoscenza di questa rete mandalica che permea tutte le cose e le riconcilia in un unico riverbero, ma si manifesta nel pieno rispetto di tutto ciò che essa abbraccia. Il rispetto si esprime nella capacità del mago d'intervenire su uno di questi fili di collegamento a fin di bene.

Il bene non può essere che universale, altrimenti è puro egoismo che si esprime nella negromanzia. Ciò che è vero bene nutre sia l'individuo che il Tutto, come il filosofo Giordano Bruno sosteneva. Questa visione mandalica dell'universo ha aperto nuove frontiere alla scienza attuale e alla tecnologia.

La legge del Wyrd (saggezza) come la chiamavano i Celti, permette alle creature viventi di non esistere isolatamente sul piano energetico. Ogni cosa è collegata al Tutto e in ciò risiede uno dei postulati dell'antica tradizione sapienziale.

È triste come oggi, a proposito di quanto accennato sopra, il reticolo energetico che regola gli equilibri in natura, abbia perso il suo valore e sia stato sostituito dalla trama di internet. Stessi processi portano a risultati diversi. L'evoluzione dell'anima sta vivendo la sua parabola discendente, involutiva.

La memoria del computer è uno scatolone cerebrale che ha sostituito il bagaglio sensibile del cuore. La conoscenza mediatica, spicciola impedisce di penetrare nel senso più profondo che agita la propria voce prima dell'ultimo spasmo.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2