Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
17
Sab, Nov
0 New Articles

Abbiamo 410 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Sui misteri dell'antichità. Renee Guenon e l'antica civiltà sotterranea Agarthi

Renee Guenon e l'antica civiltà sotterranea Agarthi

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Tutta la terra è percorsa da una trama di gallerie che avrebbe consentito ad antiche civiltà ora estinte, di comunicare tra loro. C'è chi sostiene che tali opere siano state compiute da civiltà aliene, tecnicamente avanzate, ma questa è solo un'ipotesi.

 

Renee Guenon e l'antica civiltà sotterranea Agarthi
L'antica civiltà sotterranea Agarthi

 

Secondo lo studioso Renee Guenon anticamente sarebbe esistita una civiltà sotterranea diffusa su tutto il pianeta, con a capo una figura spirituale che lui definisce il re del mondo. Tale civiltà, Agarthi, spiegherebbe la diffusione di termini aventi la stessa origine etimologica, parole dal medesimo significato, in località distanti tra loro migliaia di chilometri, nonché la presenza degli stessi simboli e monumenti, tipo piramidi, dislocati in aree lontanissime del pianeta.

La scienza ha convalidato l'esistenza su tutta la crosta terrestre di un reticolato energetico su cui sono sorti gli antichi monumenti eretti da avanzate civiltà ritenute preistoriche, imponenti costruzioni megalitiche e veri e propri menhir come a Nardodipace qui in Calabria, nonché le più recenti cattedrali medievali. Sorge allora lecita la domanda: la storia come la conosciamo noi, non sarebbe forse da rivedere? Le categorie temporali che c'insegnano già alle elementari per orientarci nello studio delle prime civiltà, non andrebbero forse rivedute?

Evidentemente il cammino dell'uomo non ha seguito un'evoluzione lineare come siamo portati a credere, ma avrebbe conosciuto lunghi periodi di crisi e di annientamento che avrebbero spazzato via i traguardi raggiunti. In tale ottica si spiegherebbe la presenza del mito del diluvio universale in diverse culture del pianeta, e forse l'antica civiltà di Atlantide, alla quale fa cenno lo stesso Platone, non è poi così lontana dall'essere realmente esistita, come ancora molti sostengono.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2