Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Mar, Nov
0 New Articles

Abbiamo 65 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La sinuosita' del tempo

La sinuosita' del tempo

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Affianco alla concezione del tempo lineare espresso da un rapporto di causalità rappresentato da un prima e da un poi, e alla concezione del tempo ancora più antica che affonda le radici nell'Età del Mito, rappresentata dal cerchio, simbolo dell'Eterno Ritorno, è degna di menzione un'altra raffigurazione del tempo, forse ancora più antica dell'uroboro (il serpente che si morde la coda espressione di circolarità) e che ha ancora come protagonista il serpente ma nella sua sinuosità abituale.

Uroboro da un manoscritto greco
Simbolo Uroboro (il serpente che si morde la coda) da un manoscritto greco

 

Tale simbolo esprime l'elasticità della memoria che risveglia l'uomo da una concezione latente del tempo, facendo risorgere dall'inconscio spaccati di vissuto. Questa concezione elastica del tempo risiede visceralmente nell'inconscio individuale ed è antica sì, ma anche modernissima, lontana anni luce dalla configurazione lineare del tempo aliena alla sfera emozionale, e precipuamente razionale, in quanto permette di catalogare gli avvenimenti in base a un ordine "spaziale" come evidenzia il filosofo antisartriano G. Bachelard nel suo saggio "La poetica dello spazio".

Il tempo si dilata e si restringe nel momento in cui gli eventi emergono dal buio ancestrale dell'inconscio e prendono forma nella luce della coscienza. Questa concezione elastica del tempo ritorna dopo secoli se non millenni di letargo agli inizi del '900 col nome di "Stream of consciousness" a caratterizzare le opere di J. Joyce, V. Woolf e M. Proust, fornendo le basi al Decadentismo. 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2