Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Lun, Nov
0 New Articles

Abbiamo 157 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Il linguaggio universale dei simboli

Il linguaggio assoluto dei simboli

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

È un grave errore considerare il simbolo appannaggio esclusivo di una religione

Una pietra con uno strano simbolo alieno nell'episodio 'Amore alieno' di Roswell
Una pietra con uno strano simbolo alieno nell'episodio 'Amore alieno' di Roswell

 

I simboli sono universali e per questo godono di libera lettura interpretativa. Legare la croce, lo svastika o l'uroboro, giusto per fare degli esempi indicativi, a un dato movimento culturale o religioso, quindi contestualizzarli nell'ambito di una civiltà, significa compiere un'azione di snaturamento del simbolo stesso, che va a incidere negativamente sull'energia che sprigiona il simbolo in questione. Non dimentichiamo che il simbolo non è razionalizzabile e l'interpretazione che di esso forniamo non può che essere parziale.

Le religioni sono sintesi di un costrutto socioculturale e servono a incanalare l'energia in determinate direzioni. Il simbolo per sua natura è avulso da certi meccanismi di orientamento e l'ideologia specifica non può che ucciderne il senso. Gli estremismi ideologici hanno tratto potere dal tentativo di manipolazione dei simboli che rivendicano la loro autonomia, affermandosi sul piano socio politico come strumenti di uno scontro distruttivo (ad esempio la svastika nazista). Le finalità di potere esercitate attraverso il controllo sui simboli, hanno sempre determinato la crisi di un'epoca caratterizzata da un'ideologia spaziale che ha coinvolto gli ambiti più intimi dell'essere umano e non in ultimo il rapporto con la fede, stravolgendolo in istituzione. Non dimentichiamo che il simbolo (non a caso dal greco: ciò che unisce) è il ponte energetico che relaziona l'uomo all'Assoluto. Esso trae ispirazione dalla tradizione primordiale dalla quale sono discese tutte le scuole iniziatiche, per riportare l'essere alla condizione spirituale dell'uomo archetipico centrato nella Luce.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2