Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Lun, Nov
0 New Articles

Abbiamo 142 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Natura, amore e sensibilita'

Natura, amore e sensibilita'

Amore e Psiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

C'è una simmetria tra i colori del giorno e quelli della sera. Colui che sale si eguaglia a colui che scende in ogni forma di vita.

Ivars Jansons
Ivars Jansons

Colori in tacita rispondenza tra le stagioni. Perché ogni cosa nelle anime sensibili riconduce al cerchio e alla sfera nei quali gli echi sovrastano le voci e in assenza di angoli, ogni scintilla culmina nel suo ritorno.

Dove c'è amore, non c'è perdenza. Se avessi un figlio gli insegnerei che i veri falliti sono coloro che non riescono a coronare il loro progetto d'amore, coloro che si tirano indietro senza alcuna spiegazione e soprattutto, per improvviso disamore. Nel momento in cui realizzi di non provare nulla o peggio ancora, granché per la persona al tuo fianco, cogli dentro di te il più grande fallimento che consiste nell'aver stracciato il sogno intimo e puro, una volta trasferito alla fase di vero e sostanziale progetto di vita. Una società che ribalta i valori e che uccide i principi antichi di pietas, e che opera all'insegna del paradosso frastornante del cambiamento, ha invertito i ruoli, facendo passare per debole o fallito chi ama ed è stato lasciato, come se l'amore tradito fosse una piaga o una macchia oscena, una cicatrice a cui la società non risponde in altro modo che isolando o mettendo al bando l'ingannato, l'assetato di vero sentimento.

La narrativa e' la traccia di un'assenza, e' vita non vissuta che s'impone sul vuoto. Quando si scrive si e' immobili e si procede da soli. Si e' viandanti nella musica delle parole che descrivono paesaggi in cui non incontriamo alcuno, all'infuori di noi stessi. Una farfalla che ondeggia vaga, un passerotto sul suo ramo, la danza delle nubi sono cellule dello smembramento di noi stessi. Siamo Natura e la ricerchiamo laddove siamo soli, come estensione della nostra solitudine. L'Infinito e' Natura nel momento in cui caratterizza la nostra esistenza, ne definisce i contorni per non farci sprofondare in territori di vaghezza. La Natura non e' contorno, ma il termine di confronto, l'alter ego che abbiamo in noi stessi. Cosi' nella scrittura noi ci uniformiamo alla nostra indole che altro non e' che l'ascolto in via di determinazione del nostro connaturato potenziale. Siamo perche' ci definiamo e definendoci ci creiamo, dando sfogo alla liberta' . Se siamo veri siamo belli e l'artista che da' luogo alla Verita' potra' trarre da se stesso infiniti paesaggi di singolare e irriproducibile splendore.









Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2