Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Mar, Nov
0 New Articles

Abbiamo 24 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La croce di San Bernardino, tra sacro e immaginario

Amantea presentate le copie dei bacini di ceramica della croce della chiesa di San Bernardino

Cultura Calabra
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Domenica scorsa alle 18,30 sono state presentate alla cittadinanza di Amantea le copie dei bacini di ceramica della croce della chiesa di San Bernardino.

Amantea presentate le copie dei bacini di ceramica della croce della chiesa di San Bernardino
Amantea presentate le copie dei bacini di ceramica della croce della chiesa di San Bernardino

Queste saranno collocate nei loro alloggi iniziali posti sulla facciata principale. Gli originali per la loro fragilita' furono tolti nel 1983 ed esposti inizialmente nel museo di Reggio Calabria, successivamente riconsegnati alla tutela del convento di San Bernardino di Amantea dove sono tuttora. Autore delle copie, il maestro ceramista oltreche' pittore Pedrito Bonavita che ha saputo interpretare e ridare splendore agli originali bacini, trasponendoli nelle copie con scrupolosa attenzione e meticoloso studio. Le opere sono state eseguite sotto l'autorita' della Soprintendenza di Cosenza ben consapevole della preziosita' dei pezzi originali, unici per decorazione e disposizione. Ad accrescerne il valore contribuisce il fitto mistero che avvolge la loro provenienza nonche' committenza. Purtroppo i documenti pervenuti sull'intera fabbrica monumentale sono alquanto scarsi. Molte informazioni si e' riusciti a ricavarle attraverso la lettura dell'intera opera architettonica che nel suo silenzio ci comunica la trama di rapporti interculturali tra Amantea, "confine" d'Europa e l'affascinante Medioriente.

L'impronta dell'intera struttura gotico-bizantina esprime il pluralismo culturale altamente fruttuoso per la cittadina di Amantea. Testimoni della sua vivacita' sono gli utensili ritrovati in Terra Santa e li' giunti durante le Crociate. Il rapporto con la cultura mediorientale emerge da una lettura attenta dei piatti in cui il tratto blu che delinea immagini geometriche o teriomorfe riconduce inevitabilmente al mondo arabo. Il blu e' il colore del cielo e della spiritualita' che eleva a Dio, in netto contrasto nelle raffigurazioni islamiche con le tonalita' dell'ocra riconducibili al piano terrestre. Il piatto con lo scudo e il timone conterrebbe forse un'informazione riguardo la provenienza del corredo simbolico delle decorazioni ascrivibile alle sponde orientali del Mediterraneo. L'elemento gotico d'Oltralpe si rintraccia nella raffigurazione della lepre animale simbolo della rinascita primaverile e di chiaro richiamo alla dea germano-celtica di nome Ostara da cui deriva la parola inglese Easter (Pasqua). Il cinghiale disegnato su un altro piatto riporta agli archetipi matriarcali riconsiderati dalla spiritualita' cistercense e attraverso il gotico rivisitati in chiave mariana.

Gli elementi di cultura mediorientale e araba li ritroviamo invece nei motivi geometrici che descrivono una rotazione intorno al proprio centro trasposizione pittorica dell'occhio solare e riconducibili alle forme piu' semplici espresse dai fiori in natura. Gli uccelli infine, rimandano nella loro eleganza alle corti del mondo arabo, specchi di una tradizione sapienziale teocratica e di una raffinata ricerca di contatto tra l'uomo e Dio. I bacini di ceramica ci ricordano il valore simbolico che l'arte esprime, quale veicolo di Verita' profonda che parte dal tangibile per raccordare l'uomo alle poliedriche sfumature dell'Universo. Nessuna stella si eclissera' mai dietro l'orizzonte visibile, finche' sara' in grado di ricondurci alla percezione di Dio espressa attraverso il genio puro dell'artista.

Amantea, copie dei bacini di ceramica della croce della chiesa di San Bernardino
Amantea, copie dei bacini di ceramica della croce della chiesa di San Bernardino







Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2