Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Ven, Nov
0 New Articles

Abbiamo 65 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Il Presepe Vivente. Tradizione e futuro

Il Presepe Vivente. Tradizione e futuro

Cultura Calabra
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Durante le Feste le famiglie riscoprono l'importanza di raccogliersi e ritrovarsi. A Natale chi e' lontano torna a riabbracciare il sapore dell'infanzia nei luoghi cari.

Il Presepe Vivente. Tradizione e futuro
Il Presepe Vivente. Tradizione e futuro

 

Nei paesi interni le Feste assumono un significato piu' pieno che accorda alla Fede i sentimenti piu' intimi. Gli odori si rafforzano richiamati dal freddo che svapora nel fumo sbuffato dai camini. sospesi su un'eternita' sonnolenta rinvengono, riportandoci a un vissuto che non vorremmo mai ci abbandonasse. L'inverno acuisce i sentimenti e risveglia l'anima dei luoghi sopiti in un muto e doloroso letargo.le tradizioni sembrano acquisire abiti di luce da dismettere a conclusione del periodo di festa in cui ogni cosa ritarna al suo quotidiano spesso spoglio di autentica poesia. I luoghi si spengono, i paesi interni si spopolano lasciando ciondolare cenci di un vissuto disperso nel vento degli anni schiavi di mode e abitudini che poco hanno in comune con le tradizioni. Il Natale e' anche questo, ritornare a uno spirito che e' riduttivo ascrivere al passato e che permea i luoghi.

Tra le tradizioni che accomunano i borghi spicca quella del Presepe Vivente, nel migliore dei casi recepito come occasione per rispolverare luoghi soggetti all'abbandono. Spesso affidati ad associazioni giovanili, i Presepi Viventi acquistano l'aspetto di vere e proprie carnevalate scevre di qualsiasi prospettiva di recupero della tradizione del paese in cui si svolgono. Sicuramente il Presepe Vivente che si snoda per i vicoli del rione Valle del centro storico di Nocera Terinese (Catanzaro) non ha nulla a che vedere con questa categoria di presepi appena citata. Esso obbedisce fedelmente all'intento abbracciato dall'attuale Amministrazione Comunale di riavvicinare i giovani alle radici dei luoghi natii espresse non solo attraverso la natura ma anche tramite il recupero degli antichi mestieri, fonte d'investimento per un futuro riguardoso verso i luoghi in toto. Il Presepe Vivente diventa quindi occasione di riscoperta di una vita sedata sotto le coltri del tempo ma capace di ridestarsi grazie ai sogni fertili di prospettive in chi vuole rinvestire nella propria terra riconoscendovisi appieno. L'intento di rinverdire il Passato e' uno degli aspetti che piu' colpiscono del Presepe di Nocera, reso manifesto dalla folta presenza tra le figure attoriali di giovanissimi che con padronanza armeggiano strumenti e arnesi del passato. La fierezza di sentirsi parte di una comunita' incide la memoria dei visitatori instillando sensazioni di quella vitalita' che si spera ritorni a popolare i nostri pittoreschi borghi. Il concertone in piazza con le tarantelle di Cosimo Papandrea e il suo gruppo ha salutato le Festivita' entusiasmando e facendo ballare giovani e anziani al suono di una tradizione non fine a se stessa, bensi' viva, che confluisce nel presente e capace di forgiare il futuro.

Il Presepe Vivente. Tradizione e futuro
Il Presepe Vivente. Tradizione e futuro
Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2