Il pane e la cultura di un borgo
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
15
Mar, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Il pane e la cultura di un borgo

Il pane e la cultura di un borgo

Cultura Calabra
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Calabria è  nota ovunque per le splendide spiagge, i paesini abbarbicati sul mare e per le acque cristalline dagli invidiati fondali a mosaico.

Il pane e la cultura  di un borgo
Il pane e la cultura di un borgo

 

In realtà,  la variegatura del paesaggio offre scenari incantevoli anche all'interno con i borghi racchiusi in valli e su creste dell'Appennino costiero. Diversamente da quanto si possa pensare, l'economia della regione ha avuto origine qui e non sulle coste spesso bersagliate da predoni di passaggio poco propensi a lasciare impronte positive.

L'interno della Calabria come quello di tutto il Sud sta vivendo un momento difficile per le cattive politiche succedutesi e a livello locale e a livello nazionale. L'immigrazione di extracomunitari non risolve anzi, tende ad inasprire le problematiche già presenti per la difficile convivenza di culture e mentalità troppo diverse, accentuando il fenomeno di spopolamento dei borghi affascinanti nel loro silenzio ma che è giusto riprendano a vivere. A poco sembra servire l'accorpamento di piccoli comuni sotto un'unica amministrazione e qualche prospettiva invece tende ad offrire la proposta di fare rete tra i diversi comuni vicini per collocazione e trascorsi storici. Su questa linea si posiziona il comune di Serra d'Aiello sorto sulle antiche memorie della mitologica Temesa e con tutta la voglia di proseguire in direzione di una politica economico territoriale di recupero delle tradizioni, unica fonte per un presente e futuro possibile.

Grazie all'impegno storico del  sindaco Antonio Cuglietta al suo secondo mandato, al vicesindaco Cappelli e alla cerchia di sostenitori ieri, in linea con la politica di recupero, si è  svolta la seconda edizione di Forni aperti un percorso itinerante tra le prelibatezze locali, ingentilito da buona musica e anticipato costruttivamente da un incontro informativo sulla necessità di abbandonare le farine raffinate e di ritornare all'alimentazione mediterranea di base, orgoglio del nostro Sud.

Serra d'Aiello è un  esempio positivo per l'area interna cosentina che affaccia sul Tirreno e giusto sarebbe se i paesi limitrofi abbracciassero la cultura del recupero sostenendosi vicendevolmente e bandendo i campanilismi poco edificanti per tutti. Il pane unisce, gli antichi forni erano la ricchezza non solo economica ma comunitaria dei luoghi e Serra con l’evento di ieri, 12 agosto, che ha coinvolto tutta la collettività  lo dimostra. Sarebbe bello che altri stand nella prossima edizione di Forni aperti accogliessero l'invito del sindaco a partecipare  per dare nuova carica all'economia locale e nuove speranze  a un borgo che si sforza degnamente di mantenersi vivo e vitale.

Il pane e la cultura  di un borgo
Il pane e la cultura di un borgo
Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001