La Calavecchia di Amantea nell'immaginario creativo di Teresa Volpe
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

La Calavecchia di Amantea nell'immaginario creativo di Teresa Volpe

Cultura Calabra
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Cartolina "La Calavecchia di Amantea" grafica by Teresa Volpe
Cartolina "La Calavecchia di Amantea" grafica by Teresa Volpe

 

Anche se non lo vedi, il mare qui è ovunque e lo assapori attraverso i gustosi piatti e i colori. L'Amarcord non è un semplice locale situato nella storica piazza Calavecchia di Amantea. È un luogo di condivisione e di allegria, dove è impossibile sentirsi tristi.

È l'approdo dei sognatori, in cui regnano pace e poesia e l'azzurro che predomina rievoca antiche scene di mare che mai sbiadiranno nella memoria di questa gente. I colli e la marina qui s'incontrano e preparano a un percorso tortuoso che porta salendo all'antico nucleo abitativo. Dove oggi appaiono collocati i tavolini, un tempo attraccavano le barche dei pescatori e questo suolo per molti versi sacro come lo è il mare, risuona ancora di aneddoti e vicende che si propagano nella fresca brezza delle sere d'estate.

È un luogo sospeso nell'antichità la Calavecchia. Riappare oggi rivisitata nelle sue origini dall'alacre impegno di Rocco Scudiero e del suo staff di fedelissimi che nel tempo hanno riproposto con un linguaggio personalissimo le atmosfere suggestive del luogo riadattandolo alle esigenze di tutti.

Questa splendida cartolina dell'elaboratrice grafica Teresa Volpe ripropone e va oltre i tasselli delle emozioni suscitate dall'Amarcord, porgendo a noi la presenza oggi nascosta del mare che anticamente ha intrecciato vite, permettendo alla popolazione tutta di Amantea di essere ancora e oggi nel presente orgogliosa e fiera del suo vivace bagaglio esperienziale marinaro.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001