CULTURA CALABRA: ORIGINI DELLA 'NDRANGHETA
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

CULTURA CALABRA: ORIGINI DELLA 'NDRANGHETA

CULTURA CALABRA: ORIGINI DELLA 'NDRANGHETA

Cultura Calabra
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Con questo articolo intendo aprire una finestra sulla 'ndrangheta che non si prefigge come obiettivo l'analisi criminologica di questo fenomeno mafioso divenuto d'imponenza mondiale, bensì lo studio delle cause e dei processi collocati alla base di questa realtà ritenuta per molti versi insormontabile.

Osso, Mastrosso Carcagnosso - illustrazione di Enzo Patti
Osso, Mastrosso Carcagnosso - illustrazione di Enzo Patti

 

Avallando la teoria del procuratore Gratteri, pertanto analizzerò la 'ndrangheta sotto il profilo antropologico che più mi compete e che consente di comprenderne i processi evolutivi.

Capire la 'ndrangheta non è cosa semplice anche perché fortemente inviluppata nell'intrinseca cultura del background calabro peculiarmente frastagliato. Al di là delle varie dominazioni che si sono succedute in questa regione che hanno per necessità storica e non solo apportato vari imprinting, la Calabria resta ancorata saldamente all'unico comune denominatore che unisce i vari territori di questa affascinante e per molti aspetti unica, regione.

Il seme comune è la cultura matriarcale che ha contraddistinto nell'antichità tutto il bacino mediterraneo. Il punto di forza di tale cultura è stato inequivocabilmente la fioritura dell'agricoltura che ha intorno a sé costruito su scala evolutiva il primo modello di aggregazione sociale. La dimensione corale alla base della cultura dei primi piantatori divenuti in pieno neolitico coltivatori, spiega gli archetipi di una realtà saldamente aggrappata ai suoi valori ancestrali.

Le origini della 'ndrangheta sono nella Locride, in un contesto variegato sotto il profilo culturale caratterizzato dalla poliedricità di microetnie quivi dimoranti. Il territorio accidentato ha contribuito alla conservazione secolare di stereotipi comportamentali che hanno lasciato strascichi difficili da smantellare. Il principio di forza della sopravvivenza collettiva poggiava proprio sull'attaccamento atavico al proprio ceppo di origine, comunità ristrette che hanno poi determinato la costituzione dei clan familiari, le cosiddette 'ndrine.

Il ruolo della donna è fondamentale nella conservazione archetipica di un modello culturale. Possiamo ritenerlo il cardine intorno al quale si è andato costruendo un tessuto di violenza, ma al di là del concetto etico di violenza, oggetto peraltro di studio della criminologia, vedremo nel substrato della cultura umana, nello specifico calabra, a livelli più profondi della coscienza individuale poi trasfusa in quella collettiva, cosa ha determinato.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001