CULTURA CALABRA. ORIGINI DELLA 'NDRANGHETA: LO SBARCO DI DIONISO A LOCRI
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

CULTURA CALABRA. ORIGINI DELLA 'NDRANGHETA: LO SBARCO DI DIONISO A LOCRI

CULTURA CALABRA. ORIGINI DELLA ' NDRANGHETA. LO SBARCO DI DIONISO A LOCRI

Cultura Calabra
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La 'ndrangheta si afferma in Calabria prima ancora che come fenomeno criminale, come realtà culturale.

Osso, Mastrosso Carcagnosso - illustrazione di Enzo Patti
Osso, Mastrosso Carcagnosso - illustrazione di Enzo Patti

 

Essa trova il suo punto di forza nel concetto di Caos concepito dal modello ancestrale femminile trasferito poi nella collettività. Sotto il profilo archetipico la donna è legata da sempre al buio, al mistero più profondo che trova espressione nel mito della caverna.

Il buio contiene ogni cosa ed è il Caos per eccellenza. Le antiche civiltà matriarcali si fondano su tale principio che si riflette nella contingenza nell'esigenza mai soddisfatta pienamente di assicurare la continuazione del ceppo familiare. L'insicurezza nasce dal buio di cui si fa interprete il mistero, e in ciò trova la sua collocazione il concetto di destino. Il destino è l'ignoto, la vecchia strega contro cui l'uomo dovrà fare i conti per affermarsi.

Non è un caso che la zona di Pentedattilo e molte aree impraticabili dell'Aspromonte pullulino di leggende legate all'esistenza di antiche magare guardate ancora oggi con sospetto. Al di là del substrato matriarcale preesistente, un ruolo forte ha giocato in particolare nelle aree su citate, l'integrazione con la cultura Magnogreca che ha esportato non tanto i suoi modelli eroici, quanto quelli meno rappresentativi del mondo greco e legati indiscutibilmente alla figura ctonia di Dioniso. Come precisa il mitologo W. F. Otto nel suo saggio "Dioniso" il dio e i riti a lui connessi sbarcarono a Locri.

Da trionfatore, l'alter ego di Apollo su nave fece ingresso nel porto locrese, insediandosi con la sua tenacia irrazionale e i suoi ritmi orgiastici trasfusi nel ditirambo a proposito della tragedia. La corte di donne e uomini invasati dall'impeto dionisiaco andò a incrementare gli atteggiamenti culturali indigeni, esacerbandone i toni. Ne scaturì un vero e proprio fenomeno globale che trovò sfogo e compimento proprio nella musica dall'apparente carattere orgiastico.

Le percussioni, i sonagli fragorosi che accompagnarono lo sbarco di Dioniso a Locri, produssero echi sconcertanti che amplificarono il preesistente caos. L'ingresso di Dioniso in Calabria scatenò un effetto a catena altamente contagioso, guidato dall'euforia e dall'ebbrezza, effetti della teofania. Da Locri il dio si spinse su tutta la costa ionica e risalì fino a Taranto che nel nome rievoca il ritmo tribale della taranta, trasfusione in musica dell'arcano femminile. In Calabria la tarantella si fa interprete dell'aspetto profano indotto dall'euforia orgiastica che nel suo carattere pienamente ritualistico si esprime nella disarmonia col tutto, rievocata nell'impronunciabile parola 'ndrangheta.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001