Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Lun, Nov
0 New Articles

Abbiamo 151 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Con l'associazione Klampete sulle tracce dei briganti

Con l'associazione Klampete sulle tracce dei briganti

Cultura Calabra
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Nella suggestiva cornice del parco nazionale della Sila nobilitato dalla neve che copiosa si è riversata in questi giorni su valli e cime abetate, il 24 gennaio a Bocca di Piazza, frazione del Comune di Parenti, col patrocinio dell'hotel ricevimenti Grandinetti si è tenuto un pranzo spettacolo con la finalità di ricostruire, tra una portata e l'altra, il ruolo cruciale del brigantaggio al tempo dell'invasione francese e i sodalizi tra esso e la nobiltà al fine di cacciare gli scomodi invasori.

Con l'associazione Klampete sulle tracce dei briganti
Con l'associazione Klampete sulle tracce dei briganti

 

Lo spettacolo magistralmente orchestrato dall'ideatore e regista Massimo Restuccia ha visto protagonisti gli attori dell'associazione Klampete con sede in Amantea dallo stesso fondata. Non sono mancati sulla tavola i prodotti tipici della rinomata azienda Scalzo che ha dato un forte imput alla realizzazione dell'evento.

E così, tra comparse di personaggi in costume, simpatici dialoghi e baruffe tra rampolli locali e nobili navigati della cultura partenopea, ha preso vita il pranzo vivacizzato da momenti profusi di spontanea convivialità e sentito calore umano che fanno della Calabria una testimonial d'eccellenza.

Il tutto annaffiato da ottimo vino casereccio, inframezzato da arie d'opera eseguite a puntino dal soprano Cristina Terranova. A inebriare l’atmosfera, tarantelle e ballate popolari a suon di fisarmonica che definiscono il profilo di una Calabria che ancora sopravvive nel cuore di chi si riconosce nelle proprie radici e con fierezza porta i vessilli di questa straordinaria regione depauperata da errate strategie economico-politiche in vista di una modernità slegata dal territorio e dalle sue ragioni storiche, e al tempo stesso incapace di proiettarsi sul domani.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2