Approfondimenti su artisti ed elaborati critici su opere scritte, figurative e musicali a cura della dott.ssa Ippolita Sicoli
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.

Approfondimenti su artisti ed elaborati critici su opere scritte, figurative e musicali a cura della dott.ssa Ippolita Sicoli Invito all'Arte

Approfondimenti su artisti ed elaborati critici su opere scritte, figurative e musicali a cura della dott.ssa Ippolita Sicoli

Gustav Klimt - Maternità
Gustav Klimt - Maternità

 

Il 14 luglio è ricorso l'anniversario della nascita del pittore Gustav Klimt. Con klimt l'arte entra nel suo discorso più magico, reso possibile dallo scardinamento e dalla ricomposizione della luce in pittura. È impossibile scindere Klimt dalla nuova organizzazione culturale dell'Europa che grazie all'Età Vittoriana si espanderà a conquistare nuove frontiere e a importare fermenti culturali esotici che influenzeranno i preesistenti linguaggi dell'Arte.

Sacra Famiglia con san Giovannino (Mantegna)
Sacra Famiglia con san Giovannino (Mantegna)

 

Dalla Natura nasce la perfezione. L'uomo è Uno ed è in Dio e con Dio e la fanciullezza degli Unti è esternazione della perfezione non intesa in termini di condotta morale, bensì di coscienza di appartenenza. Nel Mantegna vivido si fa l'orientamento dei singoli soggetti delle opere nel contesto spaziale paesaggistico.

Christian Schloe - Illustration
Christian Schloe - Illustration

 

Le immagini schiudono e le immagini ci riportano dentro, alla casa dell'anima che è luogo privato e anche territorio condiviso. Nell'anima non esistono i cosiddetti luoghi comuni e per questo tutto è vero e si lascia percepire come toccante, in quanto autentico.

Non solo mongolfiere

Mi sembra di pensarti da sempre, da prima che ti conoscessi ed è stato proprio questo pensarti a salvarci e a fare in modo che ci incontrassimo.

Il sogno e la dimensione amorosa. Dai drammi shakespeariani al dinamismo manzoniano

Il tempo appartiene al sogno della realtà. La Letteratura e l'Arte anche in carenza di questa consapevolezza operano in ogni epoca, sopperendo così alle gravi mancanze di cui l'individuo artista si fa portavoce. Esiste il sogno nella materia che conduce a desiderare carne e lusso, e poi il sogno vero e proprio che tiene testa alla concezione più alta dell'amore.

La concezione della musica dalla metafonia alle sonorita' space

Oggi la musica è concepita come "Omnia," ossia presente in tutto. È di tutto ciò che è presenza. Con la musica oggi, si è in un mondo parallelo in cui ogni cosa, anche lo spazio, è anima. In questa dimensione si è in fusione con chi ci ha trapassati ed è presenza: eterno e spazio configurato come Universo e Vuoto.

La crocefissione dLa crocefissione di Cristo e le Sacre Rappresentazioni

Tramite te, Signore oggi, e la tua esperienza umana che si spezza, penetriamo nel significato della parola "mondo", pulito, intonso. Non può esserci mondo, senza unità

L'amore indomito, l'amore folle

Se è vero che l'amore è la conseguenza diretta di legami imprescindibili dal desiderio, esso non può che essere al di sopra di ogni concetto e di ogni astrazione

La sfera nello specchio

Il Natale ci aiuta a riscoprire l'importanza di donare. Come la Pasqua, è  la festa della morte e della Luce che ci attende oltre.

Aspetti del Cosmo. Dinamismo e integrita'

Cristo, il simbolo vivente dell'Universo. In questo ci riconduce a Dioniso e a Shiva, espressioni del dinamismo alla base della Natura e di ogni prefigurazione  cosmica. Il loro volto è  prestato dal bisogno immaginifico insito nell'uomo attraverso cui esprimere realtà troppo grandi da contenere nel pensiero.

I Pooh di ''Nascero' con te''

L'amore è  nascita. È  il carburante  della vita, il motore dell'Universo. Nell'amore noi affondiamo, da esso riemergiamo senza averne consapevolezza se non quando tocchiamo le viscere del dolore.

Hic et Nunc nell’ indagine cristologica

Ci esprimiamo nel tempo e nello spazio, cancelli della vita. Il sogno è  l'immagine rappresentativa di uno stato di veglia, secondo Jung, ma è  anche  l'abbraccio di altre vite che trascendono i limiti di questa dimensione.

La Natura tra gli opposti

La Natura esiste indipendentemente  da noi. Noi siamo una parte di essa, una piccola parte e non prescindiamo da essa. Se la Natura prescinde da noi, noi esseri umani invece siamo a lei legati in quanto emanazione  dello stesso spirito creatore.

I luoghi nei sogni e l'amore in Cristo

Ci sono luoghi impregnati di noi, nonostante  non ci siamo mai stati. E poi ci sono loro, i luoghi dei sogni. Nel sogno ritroviamo posti cari che parlano di noi, ma è  anche vero che ci sono luoghi che noi vediamo e visitiamo per la prima volta all'interno di un sogno.

La voce della buona novella

“Notizia” cosi come “novella” indica novità. “Novella” in più  ha una funzione augurante. La buona novella che ritroviamo  nel Vangelo contiene un messaggio di buon augurio che consiste nel preparare l'uscita dal tempo e dalla morte a chi ne seguirà la via.

La via del Maestro e il viaggio di Orfeo

Il volto è  l'immagine del sole in quanto  si  mostra a noi. Il volto dell'amato  poi, è  la divinizzazione del sole e racchiude il senso del viaggio.

La strategia nelle parole

La Parola vergata è  la spada incisa nella roccia del tempo. La Scrittura diventa così  di stimolo all'azione e forgia il carattere. La Parola apre dibattiti e diviene terreno fertile per chi assume le redini del comando di un popolo.

La comprensione e la via delle stelle

Siamo orientati a credere che la sofferenza sia preparatoria alla grande gioia come meta finale di un percorso esistenziale, ma difficilmente accettiamo il percorso al contrario, dalla gioia alla sofferenza.

Il mistero svelato, la Gioconda

Il pudore è l'antro del mistero. È la luce che filtra dalle grate dei castelli. Il pudore è della vergine che si fa donna e diviene maestra di se stessa.

La cultura del Figlio come rivelazione

L'amore è rivelazione. È il segreto enunciato dalla luce. È il corpo dell'anima. Quando il corpo muore l'anima si denuda trascendendo la Natura e il suo spirito. L'inverno è la grotta dei desideri mai proferiti che si svelano in primavera.

La preghiera comunitaria nel dialogo ecumenico

La psicanalisi ha il merito d’intervenire con assoluta modestia là dove le risposte assiomatiche rimangono lacunose e rivolge la nostra attenzione verso l'interno della persona.

I pilastri della Civiltà

In un casa coesistono infinite vite. Nel momento in cui l'uomo da nomade è diventato  stanziatore, l’esigenza di darsi una propria  dimora ha cambiato non solo l'assetto della società  ma anche i canali di percezione del Sacro.

Lo spazio del sogno e i germi della vita

Il cielo riempie e colma le imperfezioni.  Lo spazio è  in se’  bellezza e concepimento  delle immagini. Da qui, se il Nulla  è l'inesistente anche sotto forma di pensiero, il Vuoto  è  il Pieno, ciò  che  da' la forma.

La lacerazione dell'alba

La sede della creatività è l'interiorita'. Il pensiero vola oltre le possibilità  finite e crea. La creazione è  lo slancio del presente verso il futuro. La componente umana che si accende di divino.

Il nodo dell'Infinito

Spesso dimentichiamo che un simbolo adottato in età moderna ha radici lontane nel tempo e nello spazio. É  quanto  accade anche al simbolo  dell'Infinito, ormai adottato dalle Scienze in tutte le loro applicazioni.

Il tempo lucido e il tempo lunare

Con la ragione siamo nel tempo. Agiamo, pensiamo riflettiamo nel tempo spazio che riteniamo basilare al nostro universo, eppure, al di la’ del tempo lucido che ci impegna nel suo trascorrere vi è il tempo del non pensiero e della vera e propria creazione.

Lo spirito romantico nel rock epico degli Anathema

Il tema dell'amore perduto è ricorrente nei testi romantici portati a considerare il presente nel suo nostalgico ripiegarsi verso quella condizione di gioia e armonia d’incanto spezzata. Piu’ che la passione, la tradizione romantica tende a rivalorizzare la condizione di appagamento totale dei due amanti nel fluire implacabile del tempo.

Venere, la dea tra le dee

Solo alcune donne vogliono essere amate, molte altre pretendono di essere adorate e non è la stessa cosa.

John William Waterhouse - Circe Offering-the Cup-to Ulysses

Quando pensiamo alla cattiveria l'attribuiamo solo all'essere umano, ma in realtà essa è insita nella Natura, in tutte le sue specie viventi. Anche gli animali sono cattivi, ma non li riteniamo tale perche’ assente in essi e’ la consapevolezza di essere cattivi.

Odore e dolore. Visioni

La malinconia che pervade l’uomo e’ sintomatica di una condizione di sfuggenza che contraddistingue gli animi sensibili.

Ritratto di Lorenzo de' Medici, duca di Urbino ad opera di Raffaello Sanzio, olio su tela

L’analisi di un'epoca è un'operazione complessa e mai esaustiva, soprattutto se ci si sofferma sulle esperienze artistico culturali che la connotano.

images/stories/lafinestrasullospirito/1-news/1-articoli/2019/elizabeth-i-15331603-nicholas-hilliard-15471619.jpg

La rivoluzione poetica shakespeariana si riscontra nello spessore psicologico infuso nei personaggi delle sue opere

Gustav Klimt - Le Due Amiche, 1916-1917

La vita trova il suo  senso nell'educarsi all'amore e alla bellezza. Riguardo all'amore, diffusa è  l’inclinazione ad amarlo a prescindere dall'oggetto di questo ampio sentimento

Katia Chausheva (1957) Fotografa bulgara

Non esiste attesa senza nostalgia anche di ciò che riconosciamo privo di ricordi

René Magritte, La promessa (1950)

I poeti, sale sulle mani, sono perlustratori del mondo a cui versano lacrime di gratitudine. Sono gabbiani sul bianco che nessuno salverà allo scoccare della primavera

Parsifal, Rogelio de Egusquiza y Barrena, museu del Prado

Gli archetipi restano, frantumano i confini del tempo riecheggiando in una luminosa sensibilita'. Gli archetipi sono la nostra conoscenza innata, il profumo di Dio che alita sul nostro cuore rendendoci umani e divini.

LIBRI. Ippolita Sicoli: 'Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio''

"Il canto di Yvion" e' un romanzo in cui suggestioni mitologico fiabesche si combinano a riflessioni sulla vita. E' un viaggio intimo attraverso i misteri della vita pregno di lirismo e di immagini evocative. 

(In vendita presso l'edicola Campaiola in p.zza Commercio di Amantea e presso la cartolibreria "Il papiro" di Campora San Giovanni (Pagina Facebook) (dove si puo' ordinare anche online)

LIBRI. Ippolita Sicoli: 'Il solco nella pietra'

"Il solco nella pietra" è un romanzo mitologico-fantasy caratterizzato da uno stile fluido e da un lessico estremamente curato, nonché da una trama avvincente, percorsa da colpi di scena che mantengono vivo l'interesse del lettore. Il divino e l'umano s'inseguono in una corsa rocambolesca che vede l'uno sconfinare nell'altro, intrecciare un legame inestricabile che apre inconsueti spiragli sulla definizione di sacro.

(Ordinabile in tutte le librerie)

Opera di Toshiyuki Enoki

Se il rosso e il bianco, come già precisato nel precedente articolo, sono i colori che meglio rappresentano il Natale e si fanno simbolo di una ricerca costruttiva mirata al recupero del Sé,  il rosso associato  al nero ha tutt’altra valenza

Tom Lovell (American 1909-1997). Day of yellow flowers

Il rispetto cammina con le persone e apre squarci di luce nella notte dei cuori. Il rispetto sa amare e si moltiplica se diviso con semplicità. Oggi il rispetto è una parola vuota che attraversa oceani di solitudine e schiaffeggia le coscienze

Sebastiano Conca. Matrimonio mistico di Santa Teresa D'Avila

Pochi uomini sono riusciti a piegare la volonta’ di Dio, a fletterla secondo le personali esigenze, perche’ Dio sa ascoltare cio’ che parte dal cuore, fino a riconoscersi  in esso

Vittore carpaccio, scuola degli albanesi, presentazione della vergine al tempio

L’apertura, la fioritura di un’epoca nuova, positiva  che succede  a un determinato periodo storico non particolarmente favorevole alle relazioni umane e culturali apporta ventate nuove che accendono gli animi di entusiasmo

Affresco del Pagamento del tributo di Masaccio (Cappella Brancacci, Firenze)

In base a quanto detto nell’ultimo articolo di Amore e Psiche, lo sguardo obliquo  nell’arte associato ai santi e alle figure eremitiche evidenzia non solo il carattere nobile della santita’ conclamata, come si era portati a sostenere nel Rinascimento con l’attribuzione ormai assodata del termine Madonna alla Madre del Cristo

Lev Lerch (Czech, 1856-1892). Will-o'-the-wisp, before 1890

La morte ci rende semplici e allo stesso tempo riconduce alla semplicità  parenti e amici dell’estinto insieme a tutti coloro nei quali egli ha lasciato un’impronta indelebile

Il destino nell'epos e la volonta' di potenza

L'ariete che compare a completare il corredo immaginifico del gigante Polifemo nella grotta, esprime la presenza della luce come guida verso la verita' che l'uomo e' tenuto a ricercare per gli antri oscuri della sua interiorita'.

Cristo e la Spada

Settembre e' il mese in cui la luce del sole, rappresentazione archetipica di dio, si flette per baciare la terra.

L'opera e i molteplici mondi

Il lato migliore di una frase o di un'intera opera consiste nel fatto che ognuno può riconoscersi in essa, in loro, pur sapendo di non essere il reale destinatario.

La memoria dell’acqua

L'acqua lava, l'acqua purifica. L'acqua ci riporta a una condizione virginale. L'acqua ci rende parte di sé avvolgendoci nel suo regno indistinto, smussa gli angoli e allenta la resistenza della forma. Abbiamo bisogno dell'acqua per rinnovarci, e delle foglie e del vento. E nel mare tutto questo sembra coesistere.

L'angoscia dell’uomo moderno e il puzzle delle mete

Non esiste sconfitta senza angoscia. L’angoscia e’uno stato piu’ che un sentimento e caratterizza la civiltà moderna. L'angoscia e’ un serpente che si morde la coda e ha come effetto quello di depredare l'individuo di ogni prospettiva di realizzazione.

La solitudine e il tempo del non ritorno

C'è una gioia nei boschi inesplorati, C'è un'estasi sulla spiaggia solitaria, C'è vita dove nessuno arriva vicino al mare profondo, e c'è musica nel suo boato. Io non amo l'uomo di meno, ma la Natura di più. (George G. Byron)

Il qui e l'altro

La “q” e’ una lettera che racchiude al suo interno la chiara rappresentazione dell’individuo in rapporto all’altro.

Estasi e dolore

Non siamo che occasioni rubate allo Spirito, gocce di vita diluite nel tempo. Il tema della caducità può a volte instillare il forte amore per la vita nel suo frammentato e altresi’ fiammante rivelarsi attraverso attimi luccicanti di pienezza. L’estasi è nell'attimo ma in quell'attimo di un’unicità sconvolgente si celano per volta singole reiterazioni di dolcezza e dolore.

Il treno e il paesaggio della psiche

La rivoluzione industriale ha come corrispettivo nell’immaginario poetico oltreché esistenziale il treno. Lo sferragliamento delle ruote sui binari inaugura la nuova eta’ del ferro, quella moderna accompagnata dall’utilizzo di carbone estratto dalle miniere inglesi e di tutta l’Europa.

La morte di Didone. Antieroismo nel Mito

E’ forse proprio l'elemento tragico a debordare dai miti, a renderli al tempo stesso intramontabili e incisivi. Non esiste difatti epos narrato o raccontato che non contenga oltre la soglia della didattica un mondo di pulsioni  che non obbedisce al tracciato scrupolosamente costruito della trama, ma al recondito mondo dell’irrazionale proiettato e introiettato dalle divinita’.

Pieta' e pena. Eneide e Odissea, affinita’ e divergenze

Uno degli effetti che si riscontrano a seguito dell’allontanamento, nonche’ del disconoscimento, dalle radici etimologiche delle parole e’ indubbiamente l’uso improprio delle stesse che ha prodotto non solo confusione, ma come conseguenza ancor piu’ grave, la perdita del loro significato originario.

La trasversalita’ dell’Esistenzialismo. Cioran e i valori estinti

Ci sono tanti modi di uccidere. La distruzione dell'identità di un popolo equivale a un genocidio vero e proprio che si trascina in silenzio per generazioni e generazioni. Di tutti i delittuosi  attentati a un popolo questo è di certo il più ignobile, il più meschino, e ci parla nettamente di un popolo scollato dalle sue radici che ha perso il valore delle parole.

L'amore e il sorso di Dio.

Sono rare le donne artiste passate alla storia nei secoli scorsi, tanto poche da indurre a pensare che l’animo femminile poco si adatti alla trasposizione in musica, immagini e parole della individuale ricchezza interiore.

La vita e l’arcano nelle poesie sulla sera

La realtà è sogno, e le persone belle che incontriamo e ci arricchiscono sono l'anima di questo sogno dal quale ci risvegliamo con la morte.Chi va via germoglia nel cuore di chi resta installandovi il suo profumo.

La decadenza dell'anima e il trasporto dell’immagine

Il concetto di semplicita’ ci riconduce inevitabilmente a un’imnagine di vita frugale  che confligge con la dimensione urbanizzata dell’uomo e dell’idea di civilta’ piu’ evoluta.

L’assurdita’ della guerra e gli intellettuali di trincea

Che cos'è la nostalgia se non l'espressione di un ritorno negato? La sete di appartenenza camuffata da indelebile ricordo? Chi l’avverte, trascina la propria vita da esule in una realta’ doppia che lo fa sentire qui e nel non luogo caro, straniero nella quotidianita’.

La selva oscura. Dante e i paesaggi dell'anima

Se e’ vero che non tutti gli occhi vedono le stesse cose, e’ altresi’ vero che solo pochi, i sensibili, sanno cogliere nella  realtà i suoi tratti meno appariscenti o del tutto invisibili.

Il mito di Narciso e la solitudine dell’ego

La bellezza è vanità. La cultura popolare spesso e volentieri trasmette questo binomio inscindibile sovrapponendo al punto di fare coincidere le due parti e di trasformarlo in un monomio.

L'ombra e la divina trasparenza

“La potenza dell'Altissimo ti coprira’ con la sua ombra” (Lc 1,35) riporta il Vangelo di Luca a proposito dell'episodio dell'Annunciazione dell'angelo Gabriele a Maria. L'immagine dell'ombra che reca la presenza di Dio non è inusuale in tutta la Bibbia. Anche nel Vecchio Testamento la incontriamo e non solo nel libro dell’Esodo, rappresentata dalla nube. Lo stesso Spirito Santo utilizzera’ questa forma per presentare il Cristo agli uomini.

Il Cristo e il Messia

Siamo soliti accostare le definizioni di Cristo e Messia indistintamente in riferimento alla figura di Gesù, convinti che abbiano lo stesso significato.

Le ragioni del Monachesimo

Con l'editto di Costantino  che nel 313 d.C riconosce da parte dei due imperatori del Sacro Romano Impero (Costantino d'Occidente  e Licinio d'Oriente) la libertà di culto per i Cristiani, la spiritualita’ in Europa va incontro a importanti ed epocali cambiamenti. Il Protocristianesimo svestirà il suo carattere umile e passo passo ascendera’ al potere, fino a destrutturare l’Europa nell'aspetto sociopolitico,  siglando cosi’ l’inizio del Medioevo.

La preghiera e l'alba della vita

Attraverso il volto si ascende alla luce. L'alba concepita come incipit,  inizio, rende la luce manifestazione del tempo nel suo trascorrere.

Il cigno e il mito degli eroi

Il canto e' la piu' antica forma di celebrazione. Attraverso il canto supportato da semplici strumenti a corda, il racconto acquisisce sfumature e peso e s'imprime nella composizione del mosaico di una data cultura.

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001