Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Mer, Set
0 New Articles

Abbiamo 160 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La trasversalita’ dell’Esistenzialismo. Cioran e i valori estinti

La trasversalita’ dell’Esistenzialismo. Cioran e i valori estinti

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ci sono tanti modi di uccidere. La distruzione dell'identità di un popolo equivale a un genocidio vero e proprio che si trascina in silenzio per generazioni e generazioni. Di tutti i delittuosi  attentati a un popolo questo è di certo il più ignobile, il più meschino, e ci parla nettamente di un popolo scollato dalle sue radici che ha perso il valore delle parole.

Magritte - The flash (1959)
Magritte - The flash (1959)

 

La Morte nel suo stato  si perpetua attraverso l’assenza di cognizione del suono. Nel suono noi ritroviamo la traslazione delPrincipio nel Creato, l'incipit di tutto. La volgarizzazione della nostra cultura passa anche attraverso l'imbarbarimento delle lingue che non espande, anzi depreda il vocabolario identitario di un popolo, svilendolo non solo sul piano informativo, ma e soprattutto su quello energetico.

La lingua nasce come collante simbolico, rievocazione del patrimonio divino circoscritto a un dato riferimento antropico. La lingua s’ insedia con una comunita’ in un territorio e automaticamente quel territorio viene ad essere circoscritto dall'aura di quella determinata collettivita’. La nostra societa’ tende a disperdere questa conquista che si esprime in ricchezza conseguita nei cicli storici. Conseguentemente i valori tendono a sfaldarsi in un terreno aspro che non viene irrorato di significati. Lo stesso detrimento tocca al Simbolo considerato obsoleto quanto  appannaggio di un’elite dominante rivolta solo alla mercificazione di ogni sostanza.

Un tempo l’arte era al servizio della Bellezza di un popolo e della sua tutela. Oggi l’arte si stende a tappeto di fronte a una mentalita’ collettiva insaziabilmente devota al denaro e ai suoi giri e raggiri che nascondono volti osceni. I flussi invasivi sono una traccia e una cicatrice nelle nostre lacune e rivelano l'incapacita di garantire una tutela al nostro patrimonio funestato da chi viene qui alimentato dalla pretesa di sostituirci in tutto e per tutto. Non ci difende da questi assalti la cultura  perche’ non c'è. Si e’ estinta. La cultura si fonda sulla trasmissione della memoria che  e’ lume tutelare di chi ci ha preceduti e va santificato con l’onore del ricordo. Oggi quest’onore si e’disfatto e i morti sono defunti che giacciono sul fondale del mare dellanostra ignoranza. La cultura, ormai trita erudizione,  amplifica il nonsenso e non ha piu’ilcoraggio di interrogarsi su alcun contenuto. E’ la proiezione di una macroscopica assenza che dilapida ogni contenuto sfaldando il Reale con stonature incomprensibili e anacronistiche.

L'inconveniente di essere nati
L'inconveniente di essere nati

Poeta e non solo filosofo, Emil Cioran s’interroga  sulla vita intesa  come accadimento tra gioie e desideri, tra disincanto e una componente di dolore che sempre accompagna chi e’ nato. La vita  e’ da lui concepita come sfaldamento individuale, tragedia e inganno rispetto al Mistero preesistente. La vita e’ pertanto incubo, ma al contempo sorprendente delizia nei suoi accadimenti virtuosi in cui ognuno però nell'assieme di vicende esistenziali si scopre unico e solo. Può far sorridere questo concetto  a chi considera l’esistenza come un esserci al servizio di chi ci viene ordinato da enti e istituzioni capaci di veicolare e manovrare le sensibilita’individuali.

Si può innescare il processo di acquisizione e di riconoscimento  del valore di Patria in chi non crede nei Simboli? Nulla è più vero di un Simbolo in quanto accomuna in un unico sentire le diversità individuali,  riconducendole a un punto fisso,  all'origine.  Il Vero, il Simbolo, l'origine sono tenuti insieme da un unico significato collante di tutto. Il riconoscersi sul piano del Sacro. Che la vita sia inganno o caduta materiale dal Mistero primordiale, è necessario maturare una visione non disgiunta dall'aprioristico ente, e sostituire il nichilismo esistenziale con la riscoperta di quell'umilta’ infusa dalla Natura che ci fa cogliere parti di un quadro ultimo in cui gioia e dolore si superano vicendevolmente nella granitica impronta dell'esserci.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci Zanox
Banner luglio prezzo minimo garantito Image Banner 750 x 350
article-botton
Annunci AdSense
art-bot
Annunci CT Partner
article-botton
Annunci AdSense
home 2
Ti potrebbero interessare anche:
home 2
Annunci AdSense
home 2
Annuci CT Partner