Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
18
Dom, Ago
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Il segreto del lupo

John William Waterhouse - Circe Offering-the Cup-to Ulysses

Invito alla lettura e all'ascolto
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Quando pensiamo alla cattiveria l'attribuiamo solo all'essere umano, ma in realtà essa è insita nella Natura, in tutte le sue specie viventi. Anche gli animali sono cattivi, ma non li riteniamo tale perche’ assente in essi e’ la consapevolezza di essere cattivi.

 John William Waterhouse - Circe Offering-the Cup-to Ulysses
John William Waterhouse - Circe Offering-the Cup-to Ulysses

 

La cattiveria e’ indispensabile nella Natura per la sua affermazione. La cattiveria in contrapposizione alla bontà consente il caos e il conseguimento di nuovi equilibri in una progressione che garantisce la vita stessa. Nessun essere e’ portato al male se non spinto da motivazioni che, nel caso dell’essere umano, non possono e non devono oltraggiare la responsabilita’ etica. L’odio e’ un sentimento specifico dell’essere umano e in quanto tale, il risultato di una serie di scossoni emotivi capaci di alterare la sensibilita’ nel suo equilibrio.

L’uomo da sempre e in particolare dal 30000 a.C.a questa parte, ha cercato di instaurare un dialogo col mondo animale avvertito come una realta’ preesistente e indipendente da lui. La relazione crescente tra l'uomo e l'animale ha portato il primo a confrontarsi col secondo anche sotto il profilo delle qualita’, alimentando una corrispondenza non sempre fondata. L'uomo con i processi di addomesticazione alle soglie del Neolitico ha concepito l’animale cone un riflesso delle sue qualita’ solari o al contrario notturne, perdendo di vista l’animale in se’. L’antropologia relazionata alla psicanalisi junghiana in realta’ considera l'animale riflesso di quelle qualita’ umane anche negative, utili a interpretare gli aspetti della psiche governati dal mistero (vedi 'Le strutture antropologiche dell’immaginario' di G. Durand).

Le trutture antropologiche dell’immaginario
Le trutture antropologiche dell’immaginario

L'inconscio per Jung è il regno del mistero in contrapposizione a una felice evoluzione dell'esistenza, se ignorato o represso. Nel tempo fino ad oggi l'animale ha perso la sua specificità in relazione all'uomo diventando una proiezione subordinata della psiche dell'osservatore. L'uomo ha avviato così un processo distorsivo che lo rende un abile manipolatore nell'intento di modificare i peculiari aspetti della Natura. E mentre da un lato disumanizza il regno animale, dall’altro tende sempre più a brutalizzarsi, imponendosi al mondo.

Lo spirito indomito e primitivo che aleggia nella natura lo si coglie tra le pagine dei romanzi di Jack London per il quale l’intromissione dell’uomo trova nell’osservazione libera, riportata dal narratore, il suo contrappunto piu’ alto. La cattiveria animale obbedisce all’istinto di preservazione e conservazione che trova nelle teorie darwiniane la realizzazione e la giusta spinta ad affermarsi.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001