Bellezza e Natura nell'esperienza trascendentale
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Lun, Dic
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AWIN
article-top-ads-Nordic Oil
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Bellezza e Natura nell'esperienza trascendentale

Bellezza e Natura nell'esperienza trascendentale

Invito alla lettura e all'ascolto
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La Bellezza è riconoscersi e appartenersi. La ritroviamo.alla base della filosofia dell'appartenenza.

Adolf Chwala (Czech, 1836-1900), "Moonlit night in the Carinthian Alps"
Adolf Chwala (Czech, 1836-1900), "Moonlit night in the Carinthian Alps"

 

Tramite la Bellezza, valore assoluto, il molteplice si riconduce all'Uno. Essa è il tramite di accorpamento che ci cementa. La Bellezza pertanto si organizza e fa scattare l'immagine etica che ritroviamo all'origine dell'organizzazione naturale e dell' ispirazione delle religioni. Esiste la Bellezza intuitiva e artistica e poi la Bellezza ordinata e scientifica. Infine la Bellezza come simbolo di un quid superiore a cui riconduce attraverso l'immaginario iconografico e l'applicazione di equilibri e regole dei codici artistici.

Alla Bellezza concettuale e di ordine sacro si affianca quella privata che sorge tra due anime che si scelgono. La Bellezza qui ha matrice aprioristica. Ci si sceglie in base al riconoscimento reciproco il cui connotato simbolico è  la diade primordiale, la coppia originaria scissa dal tempo e dalla storia. La Bellezza  qui  ha  quindi un significato  metastorico e protostorico che  parte dalla contemplazione dell'androgino relativo al mito primordiale dell'Adam Kadmon. La memoria e il ritrovarsi nella caduta nel tempo risiede nell'esperienza storica ed empirica che diviene tramite e accesso all’esperienza psichica. Le anime si ritrovano  in nome di quel principio  di inscindibilita' che determina l'appartenersi reciprocamente. L'unione talamica ha quindi il ruolo di riportare all'Uno i singoli in coppia e acquista valore mistico.

La coppia durante l'atto completo si riporta senza alcun tramite artificioso, esterno, all'origine producendo bellezza. Da qui la Bellezza acquista valore trascendentale qualificandosi come strumento attivo di estasi. La Bellezza quindi è  origine ma anche salita, senso del Tutto che oggi la cultura consumistica tende a squalificare.

La Bellezza e il dolore sono componenti dell’anima e trovano luogo in noi. La Bellezza e’ la linfa dell'arte nonché un prodotto. Schelling nel suo “Sistema dell'idealismo trascendentale" del 1800 completa e struttura quanto.dai suoi predecessori espresso, potenziando.il carattere di superiorità dell'arte rispetto alla filosofia. Cio' che è trascendente .e’ staccato dall'uomo e altresì  insito nell'uomo stesso e muove verso la realizzazione dell'opera attraverso l'intuizione. Qui si concentra l'aspetto sublime dell'opera d'arte che esalta lo.Spirito e accende d'impeto la Natura. Il.concetto di armonia tra gli opposti non è quindi da porsi su un piano scientifico ma è  da intendersi come espressione ed emancipazione dello Spirito che ottiene tramite l'opera appagamento e realizzazione.

Trascendente e immanente si organizzano nello Spirito stimolando l’aspetto psichico della coscienza che troverà spazio decenni dopo nella cultura decadentista.

Sistema dell'idealismo trascendentale
Sistema dell'idealismo trascendentale

In Schelling l'idealismo platonico  si particolarizza, esaltandosi nella Natura di cui l'opera d'arte carpisce Il.carattere vivo e dinamico. La Natura secondo il.sentire romantico più maturo non va indagata razionalmente ma abbracciata dall'intuizione che la traduce in.opera d'arte. La Natura é Spirito e in.nessun’altra corrente di pensiero e artistica come nel.Romanticismo sarà  considerata e rispettata e venerata. L'aspetto eterno.dell’uomo riposa nella Natura preesistente al singolo che le si concede nell'arco di una vita e che nelle sue molteplici contraddizioni non riuscirà  mai a scioglierne il Mistero imprescindibile.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci Tradedoubler
sidebar-ads-ct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001