La preghiera comunitaria nel dialogo ecumenico
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
20
Dom, Ott
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

La preghiera comunitaria nel dialogo ecumenico

La preghiera comunitaria nel dialogo ecumenico

Invito alla lettura e all'ascolto
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La psicanalisi ha il merito d’intervenire con assoluta modestia là dove le risposte assiomatiche rimangono lacunose e rivolge la nostra attenzione verso l'interno della persona.

San Paolo
San Paolo

 

Ogni persona è  sacra e al suo interno è  racchiuso ilpotere immenso dell'autoguarigione che, in determinate condizioni e in determinati luoghi permette di emergere e guarire. Le condizioni  favorevoli all'autoguarigione sono quelle del raccoglimento di preghiera collettivo. La forza che si sprigiona è  tale da vincere sul male. A questo si aggiunga la particolare energia che determinati luoghi sprigionano, luoghi sorti sui nodi del r4eticolato energetico che contiene l'intero globo terrestre, come anche luoghi talmente antichi da risultare pregni di energia, non sempre ahimè  positiva, capace di guarire o da stimolare visioni.

Lettere di San Paolo
Lettere di San Paolo

Il discorso è complesso e ci condurrebbe lontano, ma più volte nello stesso Vangelo ritroviamo reiterato l'invito  a pregare nella collettività.  Dove due o più  sono uniti nel mio nome, là sono io in mezzo a loro dice Gesù facendo riferimento al potere di guarigione della preghiera, così  come San Paolo nelle quattordici lettere si rivolge alle prime comunità cristiane da lui visitate soffermandosi sull’importanza della condivisione come elemento fondante la Cristianità. Chi crede condivide e su questo vengono innalzate le colonne della Fede.

Il pane spezzato da Gesù nell'ultima cena diventa tramite di elevazione storica e spirituale e ad esso si appellano le prime comunità cristiane come riscatto dalle prepotenze  subite.

Gesù è  uno in tutti noi. La cena, la messa sono i momenti clou della liturgia. L'Eucarestia è il senso e l'anima della funzione cristiana che ha il compito di purificare corpo e spirito perché ci ritroviamo in Lui. Gesù è la storia che permette al credente di trascenderla per ritrovarsi in Dio. La messa protocristiana era incentrata proprio  sul momento della mensa oltre il quale cessa l'esistenza del Gesù storico, subentrando a lui il Cristo. Nonostante i dubbi irrisolti riguardo il mistero del Cristo, l'ecumenismo che si fa strada con l'evangelizzazione, non può non tener conto del messaggio diffuso dagli apostoli basato sulla testimonianza e sul confronto dialogico che verrà esteso alle altre religioni monoteiste.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001