Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Ago
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Leopardi e l'estetica del Sublime

Leopardi e l'estetica del Sublime

Invito alla lettura e all'ascolto
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Tradurre un'emozione a parole o per via razionale  è di per sé un'operazione  difficile se non impossibile.

presentazione del breviario  Leopardi e l'Infinito. Un breviario del Sublime edito dalla Pellegrini
Palazzo Carratelli, presentazione del breviario Leopardi e l'Infinito

 

Un'emozione, piacevole o negativa che sia, ci attraversa totalmente  divenendo esperienza della psiche. Un'emozione è inspiegabile soprattutto se figlia dell'incontenibile e del non rappresentabile. L'infinito di per sé  evoca in noi grandezza e irraggiungibilità, meta ultima e anelito.

Il Sublime, la Bellezza sono esperienze vellutate e colmative del percorso esistenziale di ciascuno di noi e divengono luoghi di ricerca approfondita nel poeta e nel filosofo che indaga sulla pienezza dell'esistenza. L'Estetica quindi non è  solo analisi e cultura del Bello visibile attraverso i mezzi artistici espressivi, ma diviene lettura della vita umana in relazione al Creato e all'Infinito che circoscrive l'uomo e con i quali costui si rapporta. L'Estetica è anche il comparto linguistico del sommo letterato che  cerca attraverso lo strumento della lingua di avvicinarsi a rendere la magnificenza di quanto lui, finito nella forma, tende a rappresentare.

L'Estetica del poeta raggiunge in Italia la massima espressione con Leopardi,  autore dell'Infinito che mai finirà di stupire e avvolgere. Nell'Infinito, opera rappresentativa leopardiana, troviamo estrinsecato in pennellate espressive  il confronto uomo spirito, quest'ultimo evocato dalla presenza dell'Infinito. Il Leopardi, affinato divoratore dei libri racchiusi nella biblioteca di famiglia voluta dal padre Monaldo, ha soddisfatto il proprio desiderio di sapere espandendosi tra le principali esperienze letterarie e filosofiche dal Classicismo alla sua contemporaneità, raccogliendo i semi del pensiero altrui ed elaborandolo in frutti. La lettura dei classici greci gli ha consentito di affinare la proprietà linguistica oltreché di attingere alla matrice della filosifia che sottende alla sua esperienza poetica. L'Illuminismo di Leopardi va quindi legato a questa operosa ricerca di stile e scelta dei vocaboli con cui esprimere e rappresentare l'infinito  inteso come meta della realizzazione umana.

Leopardi e l'Infinito
Leopardi e l'Infinito

Di questo e altro si è parlato mercoledi 7 agosto ad Amantea in una serata esaustiva riguardo alla poetica leopardiana nella dimora storica Carratelli di proprietà dei coniugi De Martino, in occasione della presentazione del breviario  Leopardi e l'Infinito. Un breviario del Sublime edito dalla Pellegrini dello scrittore filosofo Raffaele Gaetano. Il saggio sarà disponibile in tutte le librerie d'Italia dal prossimo mese di Ottobre.

Il Sublime nasce dal contrasto tra il finito rappresentato da un ostacolo necessario affinché l’anima si espanda e abbracci ciò che sta oltre. L'autore Gaetano ha saputo condurre e appassionare l'uditorio lungo un percorso a ritroso, alla ricerca dell'interesse per il Sublime maturato nell'uomo nel corso di varie epoche e Pensieri incominciando dall'Illuminismo francese e finendo al Gotico inglese, intrattenendosii su differenze e convergenze, affinché il Sublime emergesse nella sua piu’ completa significazione e soffermandosi sul carattere di impressionabilità proprio della letteratura gotica.

A immetterci nell’atmosfera leopardiana gli splendidi arredi della dimora De Martino e la degustazione di vini delle cantine Lento di Calabria. Ottima e suggestiva la declamazione di stralci poetici e non solo a cura di Giancarlo Davoli.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001