tm_en_728x90 virtuemart_en_468x60 joomla_en_970x90 drupal2_en_728x90 wp_en_970x90 moto_en_728x90 La sfera nello specchio
Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
27
Lun, Gen
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002

La sfera nello specchio

La sfera nello specchio

Invito alla lettura e all'ascolto
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Il Natale ci aiuta a riscoprire l'importanza di donare. Come la Pasqua, è  la festa della morte e della Luce che ci attende oltre.

"La Sfera" Francesco M O Aramu Pittore

 

La morte ci rende buoni, arriva quando saliamo di coscienza e consapevolezza. È il dono che facciamo a chi resta quaggiù e amiamo. La crudeltà  spietata è quella senza alcuna ragione se non il non senso e macchia la morte. Se non c'è  senso nella vita non può esserci senso nella morte e l'unica spiegazione non è  che la casualità  come si evince da un certo Esistenzialismo. La vita allora, per chi vede nell'intuizione di una dimensione trascendente la purezza assoluta, non è  che caduta esperienziale e colpa, come insegna Cioran. Al di là  di ipotesi e valutazioni intellettualistiche e filosofiche, la morte, in base a quanto comunicano le tradizioni più  antiche,  caratterizzate da una visione ciclica dell'esistenza, è l'uscita dal cerchio delle esperienze terrene e il conseguente inserimento in altre esperienze cicliche che abitano l'oltre. Ma anche l'aldilà,  secondo le teorie quantistiche intuite dalle precedenti civiltà, consta di passaggi ciclici continuativi attraverso altre infinità di mondi. Queste possibilità  infinite vengono concentrate nella figura volumetrica della sfera che rappresenta il conosciuto cosmico che contiene al suo interno volumi di esperienze intrinseche ed implicite non abbracciabili dalla mente. La mente è il limite e l'uomo col suo limite dà la misura a tutte le cose, ma la perfezione è  inclusiva di ciò che trascende il limite e abita l'invisibile. A tal proposito, il libro che consiglio questa settimana  è “Sfera armillare" di Adelfio. E. Cardinale, che permette di entrare nella visione dell'Universo in eta' rinascimentale rappresentato da una prospettiva prettamente egocentrica tipica dell'epoca.

Sfera armillare
Sfera armillare

La lotta alle streghe condotta dall'Inquisizione pone seri interrogativi sull'arresto dei processi  conoscitivi sapienziali che in età pagana avevano il femminino come punto di riferimento. Il fallimento dell'età rinascimentale si riassume nella forte ingerenza della Chiesa in quelle che sono le competenze matematico filosofiche, impedendo alla conoscenza umana d'interpretare la sfera nella sua poliedrica molteplicità e di andare oltre i dati acquisiti. La sensibilità  seicentesca si esprime nell'abbondanza a volte nauseabonda che cerca di riempire tutti i punti lasciati scoperti dallo scibile e di consolidare questo liquidando  la teoria delle infinite possibilità.

La Sfera pertanto deve necessariamente  ripartire dal cerchio dei suoi primordi per poi complicarsi delle tante rifrazioni speculari che generano altre realtà. Lo specchio nel Seicento diviene pertanto espansione dell'io nell'immagine riflessa che amplifica vanità e lati oscuri affidati all'analisi alchemica.  Non basterà  l'Inquisizione con la sua caccia alle streghe a frenare l'interessamento verso il riverbero dell'anima e le sue energie sottili, con una forte repressione rivolta Yalla materia spirituale  che balzerà fuori dalla sua oscurità riecheggiando nelle epoche successive. La distrazione dell'Illuminismo da ciò che è puramente spirito non offuscherà quanto dall'anima individuale dei più  sensibili agognato. Ciò  marcherà il forte dissidio tra la ragione  e  l'altro, riscontrabile nel Faust di Goethe che rivisita in un’ ottica nuova quanto dal Medioevo era stato a mo' di leggenda  accantonato.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Docente della Federiciana Università Popolare, Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia, ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci Tradedoubler
sidebar-ads-ct-tda-003
Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001