Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 97 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La profondita' sfuggente nelle foreste della vita

Edward Hopper. Tavola calda

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La vita e' un continuo perdersi e ritrovarsi nelle zone in ombra che traspaiono dai ricordi.

Edward Hopper. Tavola calda
Edward Hopper. Tavola calda

Crescere e' confrontarsi, intraprendere un viaggio che conduca lontano dal conosciuto e dalle proprie consuetudini. L'apertura all'ignoto sconfina nella metafora del cielo che cambia continuamente orizzonte in base alla personale prospettiva di osservazione. E' la metafora di un involucro trasparente che contiene tutto e tutti e non svela se non cio' che siamo in grado di comprendere. Il mistero del non conoscibile sposa cosi' l'ignoto che da sempre guida e accompagna gli spostamenti umani e sovente prende il nome di Destino.

La consapevolezza della propria identita' nasce dalla sperimentazione di cose nuove che la vita ci peesenta e a cui ci affidiamo rispolverando simultaneamente il nostro credo profondo. L'uscita dall'adolescenza non conosce il tempo dell'eta' e accade nel momento in cui la famiglia di base si sgretola, o e' uno dei due pilastri genitoriali a spingere il proprio figlio o figlia a compiere il viaggio verso la realizzazione di un Destino che segue necessariamente la propria nebulosa inclinazione.

Il dio degli incubi
Il dio degli incubi

Il viaggio di Helen, la protagonista del romanzo Il dio degli incubi di Paula Fox e' spronato dal desiderio materno di ritrovare al suo fianco la sorella, zia di Helen, nella conduzione della proprieta'. Presto si rivela altro e l' uscita dal mondo isolato e familiare della provincia nord americana e' il punto di partenza attuato dal Destino nel disvelamento dei propri programmi. New Orleans non e' una citta' come tante, ma il punto d'incontro di diverse prospettive e risultati esistenziali rivolti ciascuno alla propria definizione. Ognuno ha il suo percorso individuale che subisce sbandamenti e non trascurabili deviazioni sospinto dalle note dei tempi che risuoneranno nella Storia. Il razzismo nei confronti dei neri mostra il volto di una New Orleans affatto libera da pregiudizi e con i quali la realizzazione del singolo si scontra subendo un ridimensionamento del proprio margine di azione. Sul senso di insoddisfazione e di incompletezza incombe l'ombra sinistra della Seconda Guerra Mondiale che dirotta necessariamente il destino di molte vite. La bolla dell'ebbrezza dell'alcol avvolge e accomuna ma nello stesso tempo in modo graffiante amplifica la percezione pirandelliana di una statificazione dell'interiorita'. Il mistero calca la narrazione di non facile lettura condotta dall'autrice che sa dare risalto a ogni personaggio inscritto nel carosello di incontri e amicizie. La purezza di alcuni personaggi come Nina conquistano il lettore e rafforzano il dubbio di sentimenti nascosti nel sottobosco dell'anima.

Quanti noi esistono? L'individuo si sfaccetta a seconda delle situazioni, lasciando albeggiare il suo mistero latente. La penna di Paula Fox tratteggia con bellezza e levita' persone e contorni, rivelando uno stile incapace di attardarsi o di indugiare pesantemente sugli aspetti che compongono il romanzo. Esprime cosi' un sapiente equilibrio che e' piu' della lettaratura intimistica europea che di quella americana, veloce e improntata al consumo facile. La lentezza delle prime pagine viene ben compensata dalle numerose finestre che aprono all'interno delle singole vicende e non si limitano a raccontare una societa' fluttuante e travolta dai grandi passi della Storia.







Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2