Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
13
Mar, Nov
0 New Articles

Abbiamo 49 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La preghiera e l'alba della vita

La preghiera e l'alba della vita

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Attraverso il volto si ascende alla luce. L'alba concepita come incipit,  inizio, rende la luce manifestazione del tempo nel suo trascorrere.

La preghiera e l'alba della vita
La preghiera e l'alba della vita

 

Le parole tradotte in italiano con bocca ora, (hora in latino, intendedo l'ora come scansione del tempo) e pregare si ricollegano alla radice comune che ritroviamo in os oris dal significato di bocca. E' da notare come l'h di hora richiami all'azione di emissione del Verbo divino che diviene luce, determinndo la scansione spaziotemporale.

L'emissione di luce all"alba dei tempi,  filtrata dalla coscienza umana, vede collegato al sorgere del sole il computo del tempo da impegnare costruttivamente nel lavoro finalizzato alla sussistenza, e che attiene alla sfera sociale. L'umanita' si sveglia all'alba sotto la protezione del sole, somma divinita' che  l'accompagnera' nelle sue molteplici attivita'. Il sole e' quindi dispensatore di vita che riporta l'uomo alla presenza di Dio rivelata e pertanto buona, paterna. Il verbo pregare ora-as contiene implicita la risposta di ringraziamento rivolta al Dio benevolo che accompagna l'uomo sino al tramonto nelle sue opere. Da studenti abbiamo appreso il motto benedettino Ora et labora che riflette lo stile di vita dei monaci ordinato e orientato verso i ritmi naturali.

La Regola di San Benedetto
La Regola di San Benedetto

Questo concetto è ben espresso nel testo La Regola di San Benedetto di Adalbert De Vogue'. Il sole Dio assiste l'uomo e ne riconosce la fatica, il sudore. Dio attraverso i frutti della terra ripaga ed esaudisce l'impegno profuso. Il termine preghiera deriva dal latino precarius, esaudito.  Se l'uomo e' ordinato secondo i principi della Natura e si attiene alla scansione ritmica regolata dall'alternanza sole luna, la vita e' essa stessa preghiera di ringraziamento per l'assistenza e l'esaudimento ricevuto da Dio,  compagno di vita e fonte di amore.

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2