Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
21
Mer, Nov
0 New Articles

Abbiamo 77 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

Il mito di Narciso e la solitudine dell’ego

Il mito di Narciso e la solitudine dell’ego

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La bellezza è vanità. La cultura popolare spesso e volentieri trasmette questo binomio inscindibile sovrapponendo al punto di fare coincidere le due parti e di trasformarlo in un monomio.

Jan Cossiers - Narciso
Jan Cossiers - Narciso

 

Vanità e ogni termine contenga la radice van ci traspone nella realta’ del nulla, dell’effimero e dell’inutile. Vanità diviene quindi l’opposto e la negazione di Verità, posto che il transeunte suscettibile a trasformazioni sia in contraddizione con la Verità che è stabilità.

La Sapienza greca
La Sapienza greca

Su tale concetto i primi filosofi greci alle origini  si sono confrontati cercando di coniugare stabilita’ e divenire. Nella dinamica di tale teoria grande riluevo ha l’intuito capace di trasporre il pensiero oltre il presente, come sottolinea Giorgio Colli nel duo saggio La Sapienza greca - Eraclito  Se la realta’ e’ continua trasformazione attraverso la teoria eraclitea del divenire, la verita’ come puo’ sussistere a prescindere? La teoria alla base del tutto scorre panta rei e’ affascinante quanto primitiva, perche’ considera e sostiene il pensiero suscettibile ai mutamenti della Natura. Il Pensiero  non è scisso, una realta’ assoluta dalla materia , ma ne e’ parte integrante nel momento in cui ne assorbe e riflette le leggi che le corrispondono. L’uomo osserva, interpreta e a sua volta rilascia il suo contributo, tramite il pensiero creativo, all'elaborazione di una nuova realta’. Con Giordano Bruno  si porra’ una nuova definizione di materia che non solo e’ soggetta all’influenza del Pensiero, ma tramite questo subisce variazioni. Il Pensiero crea e determina la materia, riusciremo ad asserire da Einstein in poi, riappropriandoci di quanto gia’intuito anticamente dalle scuole presocratiche e dalle antiche civilta’ mediorientali.

Da qui, se la concentrazione è morte, la vita e’ distrazione. La distrazione, come dice la parola stessa, e’ un percorso che conduce lontano da, ma al suo interno rimane l’immagine dell’incipit, l’idea di quel viaggio partendo da un dato punto. La forma e’ quindi l’impronta della sostanza, la sua matrice conservata attraverso l'evoluzione possibile con l'apertura alla realtà, dall’essere percepita e resa come Amore.

L’Amore e’ il viaggio da A a B che contiene al suo interno la forma di A che approccia B. E’ un riflettersi reciproco che genera altre prospettive e altri mondi.

Metamorfosi
Metamorfosi

Dalle innumerevoli letture del mito di Narciso raccontato da Ovidio nelle sue Metamorfosi si evince il dato mortale del riflesso nella fonte senza alcuna corrispondenza ne’ conseguente risposta. Narciso muore aggrappato al proprio egocentrismo, incapace di rielaborare dentro di se’ il reale attraverso il mondo che lo circonda. E’ la staticita’ che genera inedia e ignoranza. Solutudine incontrastata da una non necessaria ricerca della vita intesa come flusso continuo rigenerante. La bellezza associata alla vanita’ diviene il fulmine che si abbatte e distrugge, staccato dal tuono che segue il corso suo, la parabola fino alla morte. Così Eco innamorata di Narciso non riesce a elaborare con lui alcun legame e si estinguera’ in solitudine.
La Verita’ è relazione e interazione. Espressione di un connubio in cui nessuno e’ passivo. Ogni  singolo essere difatti partecipa col proprio simile alla realizzazione di disegni creativi, realizzando apertura e Amore.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2