Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
16
Mar, Ott
0 New Articles

Abbiamo 26 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

La morte di Didone. Antieroismo nel Mito

La morte di Didone. Antieroismo nel Mito

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

E’ forse proprio l'elemento tragico a debordare dai miti, a renderli al tempo stesso intramontabili e incisivi. Non esiste difatti epos narrato o raccontato che non contenga oltre la soglia della didattica un mondo di pulsioni  che non obbedisce al tracciato scrupolosamente costruito della trama, ma al recondito mondo dell’irrazionale proiettato e introiettato dalle divinita’.

Johann Heinrich Tischbein - Dido on the Pyre, 1775
Johann Heinrich Tischbein - Dido on the Pyre, 1775

 

L’ordito di eventi galleggia nel suo oceano di articolazioni in cui si avvicendano uomini e patrie, ma cio’ che respira nel regno sommerso e’ l’amplificazione di stati d’animo e sentimenti che gli dei ascoltano senza deragliare sul piano delle sensibilita’ e venire meno al fine ultimo riflesso dalle azioni dell'eroe.

L’identita’ di un popolo trova il suo gemello nel mito che ne racchiude a mo’ di scrigno l’anima e lo spirito. Se lo spirito lo rintracciamo nell’intricato ordito, l’anima rappresenta cio’che soggiace alla trama industriosamente elaborata. Spirito e anima sono aspetti della psiche. il primo fa riferimento non solo allo spessore delle imprese narrate  a al fine ultmo collettivo, ma anche al carattere eroico dei personaggi protagonisti. L’anima, a seconda della cultura madre che pone il singolo mito in essere,  può rivelarsi o respirare nel silenzio, emergendo dai flutti narrati attraverso la figura di moglie o amante. La coralita’  preesistente  all’elaborazione delle opere e che le conduce,  non contraddiice il volume interiore delle stesse. Esiste una coerenza diffusa che amalgama scene e profili eroici e da questa trae ispirazione la configurazione dell'antieroe.

Eneide
Eneide

Chi è l'antieroe dei miti?? Colui che intralcia l’opera del designato dagli dei? Di Ulisse nello specifico dell’Odissea? Spesso, contrariamente a quanto di pensi, l’antieroe non e’ l’avversario bellico, ma chi si contrappone alla ferrea logica del comando divino espresso in obbedienza dall’eroe protagonista. Sorprendentemente questo “chi” e’ proprio una figura femminile. La splendida Calipso, le seducenti sirene dell’Odissea, ma ancor piu’ Didone nell’Eneide segnano l’aspetto umano e sensibile di entrambe le opere. L’elemento coerente razionale e affettivo costituito da Penelope conferisce il taglio umano all’intera summa epica. Penelope e’la compagna ideale e reale che obbedisce all’intera storia di compiersi, contrariamente a quanto suggerisce l’immagine di Didone nell’Eneide. Qui Didone rappresenta la ribellione dell’anima al Fato in fieri rappresentato dalla volonta’ degli Dei. La partita e’ persa in partenza e la regina di Cartagine si uccide con la spada dell’agognato Enea, l'esecutore  invisibile e immateriale dell'uccisione. È un suicidio o meglio, un omicidio simulato da suicidio che esalta la valenza tragica dell'atto in sé e la sconfitta dei sentimenti nel tracciato epico virgiliano. La pietas divinizza e al contempo disumanizza. Stigmatizza l’antieroicita’ del popolo femminile, sostanza e placenta dell’universo terreno e altresi’ umano.

Le eroine che finiranno preda del delirio “furor” dei sentimenti sono tipiche di ogni cultura e civiltà e su queste insistera’ la letteratura del primo Medioevo nella costruzione e divulgazione di saghe epiche orientate a dare risalto all'aspetto umano e femminile degli episodi attraverso i travagliati sentieri dell’universo interiore.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
art-bot

Seguici anche su Facebook

Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Ti potrebbero interessare anche:
home 2