Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
26
Mer, Set
0 New Articles

Abbiamo 149 visitatori e nessun utente online

Annunci AdSense
Home 1
Annunci AdSense
art-top

L’Arche’ e la via delle stelle

L’Arche’ e la via delle stelle

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Le stelle e il cosmo riflettono la poesia dell’essere umano, incastonati come sono nella nudità della notte.

Sara Sturlese - Luna ellittica
Sara Sturlese - Luna ellittica

 

La notte e’ confidente e maestra, capace come appare di scavare e di scovare l'essenza vera di ogni creatura. Nella notte ci si può perdere, ma a differenza delle tenebrose oscurita’ presenti nell'immaginario collettivo, la notte non inclina alla perdizione.

La notte conosce tutte le strade e ogni strada segna una rotta che conduce all’alba. Cio’ di cui di notte avvertiamo il bisogno plasma i nostri desideri e ci guida verso la meta. La luna ci guarda e sa piu’ di noi. Conosce la nostra natura più vera e per questo canta al cuore del viaggiatore.

Le stelle invece sono il sorriso di ciò che altrimenti chiameremmo tenebre e buio riscovandoli da esperienze ancestrali che non hanno  alcun riferimento o termine di paragone con questa vita. La notte non e’ mai propriamente notte e le stelle luccicanti da infinite altezze ce lo ricordano.

E’ impossibile cogliere il nero buio in questa vita, alcun paragone con esso e’ possibile, eppure ne avvertiamo l’orrore, specie da bambini perche’ i bambini piu’ vicini sono alla patria natia che l’uomo sempre rievoca con malinconia e sofferenza, quanto piu’ e’ solo ed esule in questa vita.

Il tramonto della luna e altri studi su Foscolo e Leopardi
Il tramonto della luna e altri studi ...

Il Romanticismo coniuga la fanciullezza dell’anima con la spiritualita’ intrinseca alla Natura. E’ risveglio e ritorno. E’ riscontro e corresponsione con la Natura. Il lontano si avvicina, così come la percezione degli odori d'infanzia, quello stato primordiale di purezza che  ci consente di  non percepire alcuna presenza umana che interferisca con la nostra dimensione. Pertanto e’ continuo confronto e perseverante ricerca della Verita’ attraverso le braccia selvagge della Natura.

Il colle, la luna, la siepe... Spaziando dal Neoclassicismo foscoliano al Simbolismo naturalistico leopardiano, sono presenze di fiducia, umanizzazione e idillio di un animo gitano che vaga per i dubbi dell’anima e le stranezze della vita a cui i poeti non riescono a dar risposte. Per un’altra via rispetto alla poetica Pascoliana, il Romanticismo approda alla necessità contraddittoria rispetto agli affievolitii spasimi illuministici di riportarsi tramite la poesia all'inarrivabile condizione di vita che presiede all'esistenza e alle sue tribolazioni. Nulla si conosce ancora dell'inconscio e le teorie freudiane sono  lungi dall'apparire,  ma la luce che promana dalla Natura è mera consolazione  rispetto  alle brutture che squarciano il tessuto di  ogni pace.

La Natura e’ primordiale bellezza, sposa affascinante da cui l’uomo si stacca evolvendosi e accantonando la sua vena lirica. La maturazione segue all’idillio fiabesco che smorza nel disincanto. Piu’ lontani sono i lumi del cielo tanto piu’ l’uomo si scoprira’ solo ed esule con un richiamo che avverte a riportarsi indietro fino all’approdo remoto. Il poeta puo’ riscoprire nelle stelle gli arcani diamanti e affievolire le sue afflizioni frustranti,  in possesso della conoscenza di chi e’stato prima del mondo.

La via delle stelle e’ la via dell’arcano perduto. E’ la rotta dei desideri immoti sulla crosta della coscienza, capaci di naufragare ma mai di affondare. I desideri scolpiti nell’anima sono i doni delle stelle assopite all’ombra dei pensieri illuministici, ma pronte a rinvigorirsi al fiato di una spiritualità insopprimibile.

Il desiderio proviene dalle stelle che cadendo ci fanno visita per ricondurci lassu’, nel regno della sostanza eterna. Il desiderio stempera la nostra dimensione mortale. E’ il soffio di speranza che ci porta indietro e in avanti, all’approdo finale che e’ stato innanzitutto embrione e culla.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci Zanox
Banner luglio prezzo minimo garantito Image Banner 750 x 350
article-botton
Annunci AdSense
art-bot
Annunci CT Partner
article-botton

Seguici anche su Facebook

Annunci Zanox
Banner luglio prezzo minimo garantito Image Banner 240 x 400
sidebar
Annunci Zanox
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
sidebar
Annunci AdSense
home 2
Ti potrebbero interessare anche:
home 2
Annunci AdSense
home 2
Annuci CT Partner