Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
24
Mer, Apr
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Nostalgia e desiderio

Katia Chausheva (1957) Fotografa bulgara

Invito alla lettura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Non esiste attesa senza nostalgia anche di ciò che riconosciamo privo di ricordi

Katia Chausheva (1957) Fotografa bulgara
Katia Chausheva (1957) Fotografa bulgara

 

La casa della memoria vacilla tra i flutti della vita, ma resta salda e ancorata a ciò che le sfugge e che pur sente appartenerle. E’ un faro sperduto La nostalgia tra gli orizzonti della notte che sembra richiamare l’anima a un fragore lontano e irriconoscibile. La casa in cui brilla il fuoco della vacillante memoria è l'anima della donna che da sempre si protende sui dossi della letteratura esistenziale, arranca tra il sordo dolore e una scintillante poesia.

La signora Dolloway
La signora Dolloway

Virginia Woolf può essere additata a paladina del mondo sommerso dell'anima che fa rispuntare l'essere allorquando questo sembra smembrarsi tra le maschere dell’inverosimile. E, piu’ scarna e’ la trama dei romanzi, tanto piu’ alto e’ lo spessore dell’anima impugna le note del tempo. Gita al faro di Virginia Woolf è l’esempio calzante di cio’ che avvertiamo dentro di noi inafferrabile e bello, mai canzonatorio ma forse beffardo nel suo negarsi. Ricollegando lo scritto all’autrice, emerge chiara tra le righe la ricerca di un’armonia esistenziale in un tempo, a cavallo dei due secoli Ottocento e Novecento, in cui la donna sentiva di doversi svincolare dal suo destino socialmente riduttivo di semplice guardiana del focolare o al conteario di semplice ammaliatrice di sguardi. I tempi cambiano le sorti, e gli archetipi ritornano in auge esplorando aspetti dell'essere intrecciati nella diade maschile e femminile. E proprio la dualita’ in cerca di realizzare quel filo sottile tra un uomo e una donna sconosciuti che ritroviamo nel romanzo, forse il piu’ maturo della Woolf, dal titolo La signora Dalloway.

L'animo inquieto e spiccatamente femminile della Woolf fa capolino tra le crepe di un'immaginario indomito e solo offuscato in cui la donna e il suo embrione piu’ intimo marciano a ritroso verso luoghi non compiuti. La nostalgia e’ cadere tra le braccia del desiderio puro mai sperimentato che lontano dalla vita può salvare anime maledettamente vissute tra sballottamenti e precari e mai agognati equilibri.

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.

Annunci AdSense
sidebar-ads-ct-tda-003

VIDEO: Sed frustra, il segreto di Giordano Bruno

Ti potrebbero interessare anche:
home-2-ads-fsp-cca-001