Il sito "il Centro Tirreno.it" utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata a scopi pubblicitari e per rendere più agevole la navigazione, garantire la fruizione dei servizi, se vuoi saperne di più leggi l'informativa estesa, se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso.
19
Dom, Mag
Annunci AdSense
home-1-ads-fsp-tda-002
Annunci AdSense
article-top-ads-fsp-art-001

Odore e dolore. Visioni

Odore e dolore. Visioni

Invito alla lettura e all'ascolto
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

La malinconia che pervade l’uomo e’ sintomatica di una condizione di sfuggenza che contraddistingue gli animi sensibili.

Jessica Hayllar (British, 1858–1940). A double pink azalea. oil on panel
Jessica Hayllar (British, 1858–1940). A double pink azalea. oil on panel

 

L’oblio alimenta la nostalgia di qualcosa di conosciuto eppure mai sfiorato. Si cambia e il cambiamento segue il tempo nel suo fluire impallidendo ogni certezza. Rimane la traccia di una presenza ascosa tra le pieghe del passato ormai reso indecifrabile dal presente. La ritroviamo nei pianti caldi di chi ha amato e bramato la vita nella sua irrefrenabile s orrevolezza . La vita trascina e disperde mentre cerchiamo appiglio tra i rovi e un inusitato profumo, eco di un narcisistico lamento.

E’ delle epoche poco grate alla sostanza il diluirsi in apostrafate emozioni che depositano uno strascico imperituro nei paradigmi dell’arte. Il profumo e’ evocazione, l’ultimo grido della brace prima di estinguersi. Dove c’e’ profumo c’e’ un insaziabile bisogno di prendere, e rimpianto. Il profumo e’ vaghezza e vacuita’ che ci avvolge tra le spire di un edonismo inquieto di cui non possiamo fare a meno. E’ vento e aria, mentre l’odore e’ terra e fermezza.

Annaspiamo sulla scia di un profumo che disvela la fugacita’ di un istante, dimenticando il valore dell’odore che sconfina dalle labbra dell’attimo. L’odore e’ fedele paggio dell’essere. E’ natura granitica. E’ la casa che ci portiamo dentro e ci nutre per l’intera esistenza. in un'epoca vorace di vacuita’ siamo diventati sordi al dolore, cosi’ come all’odore che ci pungola fastidiosamente perche’ autentico. Le due parole odore e folore non solo nel suono si appartengono. Piu’ scendiamo in noi stessi, piu’ lacerante si fa la distanza da cio’ che e’ fulmineo e temporale. La dimensione transeunte stende un lenzuolo di fittizia comodita’ che ci fa essere sagome sbilenche protese cerso gli altri considerati passeggeri del tempo. Il profumo e’ miele, l’odore e’ pruno selvatico. Il profumo e’ arma di seduzione, l’odore e’ lancia che fende i sassi.

Il profumo
Il profumo

A tal proposito il libro da me proposto in un precedente articolo Il profumo di Patrick Sunskin si veste di ulteriore significato che si espande in un confronto con quest'epoca e ci fa andare oltre la semantica del romanzo stesso. S’ impazzisce di una malata follia nell'inafferrabile e maniacale alchimia di un profumo che ci porta via da noi stessi. Il profumo e’ l'ebbrezza della primavera, sentore sconosciuto e animato. L'odore e’ il sudore del tempo che ci marchia con le sua orma e ci integra nella natura.

 

 

Ho scritto e condiviso questo articolo
Ippolita Sicoli
Author: Ippolita SicoliWebsite: http://lafinestrasullospirito.it
Responsabile del Settore Cultura del quotidiano online "ilCentroTirreno.it"
Specializzata in Discipline Esoteriche, Antropologia, Eziologia e Mitologia. Ha partecipato in qualità di relatrice a convegni e conferenze. Ha pubblicato le seguenti opere: “Il canto di Yvion - Viaggio oltre il silenzio” prima edizione Wip Edizioni 2003, seconda edizione Ma.Per. Editrice 2014. Il romanzo “Storia di Ilaria e della sua stella” Edizioni Akroamatikos 2008. La raccolta di racconti per ragazzi “Storie di pecore e maghi” Ed. Albatros 2010. Il romanzo “Il solco nella pietra” Editore Mannarino 2012. Il saggio antropologico “Nel ventre della luce” Carratelli Editore 2014.